sabato , 15 Maggio 2021

Il futuro di Vicenza al Primolunedidelmese

Vicenza – “Le sfide che ci attendono”, è questo il titolo del convegno organizzato per sabato 14 aprile, a Vicenza da Primolunedidelmese, che per altro compie in questo periodo il suo primo ventennio di attività. L’appuntamento è alle 15.30, presso la Cooperativa Insieme, in via Dalla Scola 253 e prevede la discussione su quattro temi con una domanda di fondo: cosa ci riserva il futuro?

Si inizierà con una riflessione metodologica di Marco Cantarelli a cui è stato dato titolo “Cosa abbiamo imparato in questi vent’anni” per fare il punto sul lavoro del Primolunedidelmese in questi anni di attività, nei quali non sono mancati i risultati positivi. A seguire, Vladimiro Soli presenterà e commenterà i risultati di un sondaggio sullo stesso Primolunedidelmese fatto nelle scorse settimane.

La parola passerà poi al sindaco di Vicenza, Achille Variati, che traccerà un breve bilancio del suo mandato amministrativo, ormai giunto a conclusione, con un’attenzione particolare rivolta al futuro della città. Infine, Monica Di Sisto, giornalista, studiosa e attivista che si occupa di commercio internazionale e clima, stimolerà la riflessione su alcune delle sfide global  che ci attendono. A fine convegno è prevista un cena comunitaria, a scopo anche di autofinanziamento.

Nato nell’aprile 1998, il Primolunedìdelmese è la più longeva esperienza nel suo genere a Vicenza, con all’attivo circa 300 incontri di riflessione e formazione su tematiche di attualità. Queste “buone pratiche di interculturalità e cittadinanza” hanno valso ad Ans-XXI Onlus, l’associazione che lo coordina, il Premio Scalabrini Ponte di Dialogo, nelle edizioni 2012 e 2015.

Alla base della proposta del Primolunedidelmese ci sono la qualità degli interventi, l’approfondimento delle problematiche e la ricerca di soluzioni concrete, l’apertura al confronto, la curiosità intellettuale e il pluralismo socioculturale, oltre ai toni pacati, lo stile partecipativo, la consapevolezza della responsabilità sociale e il senso etico dell’impegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità