Breaking News

A Bassano l’evento “La Protezione civile con noi”

Bassano – Sabato 7 aprile il parco Giovanni Paolo II di Bassano del Grappa ospiterà l’evento “La Protezione civile con noi”, voluto dall’amministrazione comunale per contribuire a diffondere, tra gli alunni delle scuole e i cittadini, una cultura più informata della Protezione civile. 180 gli studenti, di sei scuole (liceo Da Ponte, istituti Scotton, Parolini, Fermi, Enaip e Irigem), che prenderanno parte a questa giornata che vedrà il coinvolgimento, come organizzatrici o partecipanti, di 15 associazioni, per un totale di un centinaio di operatori.

Il programma elaborato prevede, al mattino, attività didattica e addestrativa: si inizia alle 7 con il montaggio del campo base e l’allestimento delle strutture per poi proseguire, dalle 9, con l’attività didattica per le scuole. Nel pomeriggio, invece, dalle 14.30 alle 17, sono previste attività aperte a tutti. L’iniziativa è stata pensata per fornire ai partecipanti un primo contatto con le conoscenze necessarie per poter operare in modo efficace, integrato e consapevole, anche in vista dell’adesione al volontariato organizzato che opera in questo settore.

“Le organizzazioni di volontariato di Protezione civile – hanno sottolineato il sindaco, Riccardo Poletto, e l’assessore alla Protezione civile, Roberto Campagnolo, – rivestono un ruolo di particolare importanza. A questo proposito il Comune di Bassano del Grappa negli ultimi anni ha avviato un percorso di collaborazione con le associazioni locali che cooperano tra di loro con il nome Bassano emergenze ed è stato avviato un ambizioso progetto di riqualificazione dell’ex caserma Fincato, con l’intento di farne un centro direzionale di Protezione civile di pubblica sicurezza”.

“Dal punto di vista della gestione delle emergenze, Bassano è sede del Centro operativo misto, il che significa che è il punto di coordinamento dei servizi di emergenza di un territorio molto più vasto, che già collabora in maniera unitaria con l’unificazione della polizia locale e con i progetti Bassano emergenze e Piani sicuri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *