venerdì , 26 Febbraio 2021
La celebrazione, del 25 aprile, lo scorso anno a Vicenza
La celebrazione, del 25 aprile, lo scorso anno a Vicenza

25 aprile, Vicenza celebra la Liberazione

Vicenza – E’ un 25 aprile particolare quello che si celebra domani. Una Festa della Liberazione che l’Italia vive senza un governo, con la classe politica nel caos e con la possibilità che, molto presto, si debba tornare a votare e mandare in archivio la legislatura più breve della storia. Viene da dire che, più che ricordare una liberazione avvenuta oltre settanta anni fa, sarebbe necessaria una seconda liberazione… Comunque, a parte questo, domani sono previste le consuete celebrazioni un po’ ovunque, importanti anch’esse del resto dato che rappresentano pur sempre un monito sui pericoli di certe derive autoritarie e razziste purtroppo ancora presenti.

A Vicenza, dopo la messa in suffragio dei caduti, alle 10 nel Tempio di San Lorenzo, ci sarà il corteo che raggiungerà piazza dei Signori dove, a partire dalle 11.15, è previsto l’ingresso delle autorità e dei labari delle associazioni combattentistiche e d’arma, e del gonfalone della Provincia di Vicenza, gli onori alla bandiera della Città di Vicenza decorata di due medaglie d’oro al valore militare, l’alzabandiera, la lettura delle motivazioni delle medaglie d’oro concesse al corpo Volontari della Libertà e alla Bandiera di Vicenza, gli onori ai caduti e la deposizione delle corone. L’alfiere delegato a portare la bandiera della città sarà il presidente del consiglio comunale Federico Formisano. Seguiranno il saluto del sindaco e presidente della Provincia di Vicenza Achille Variati e l’orazione ufficiale di Francesco Binotto, presidente dell’associazione Volontari della Libertà.

Quest’anno Vicenza celebrerà la Festa della Liberazione  anche in Riviera Berica e ad Anconetta. Nel ricordo dell’anniversario del bombardamento di Tormeno, degli eccidi di Campedello e delle vittime civili della Riviera Berica, alle 9.30 di mercoledì 25 aprile, dalla sede dell’Unione delle associazioni di Campedello, in via Ischia 12, un corteo raggiungerà le lapidi di via Porciglia e Ca’ Tosate e i monumenti ai Caduti di San Pietro Intrigogna, Debba, Longare, Tormeno, Museo del Risorgimento e della Resistenza e Campedello per deporvi corone d’alloro.

L’iniziativa è curata da Unione delle associazioni di Campedello, Associazione nazionale combattenti e reduci, Fanti, Associazione nazionale alpini e donatori di sangue. Ad Anconetta le celebrazioni del 25 aprile prenderanno il via alle 10, con il ritrovo nel piazzale della chiesa e l’alzabandiera. Alla messa delle 10.30 seguiranno gli onori alla bandiera e ai caduti e i saluti delle autorità. Al termine è previsto un rinfresco nella sede del Gruppo alpini Anconetta (via Mainardi 12) che organizza l’evento insieme all’Associazione nazionale combattenti e reduci.

Da segnalare ingine una anticipazione, questa sera, 24 aprile, alle 20,30 al teatro Astra di Vicenza. Si tratta del concerto “Festa d’Aprile”, per i 70 anni della Costituzione, con canti della Resistenza locale e nazionale, con il Canzoniere Vicentino e il Coro del Vitc. Il concerto proposto da Anpi, Fivl, Istrevi e Cgil, Cisl e Uil, con il patrocinio del Comune di Vicenza. L’ingresso è libero. Si esibiranno Anna Rigetto (sax contralto, clarinetto), Enrico Antonello (tromba e voce), Giuseppe Zamboni (fisarmonica), Gianmaria Sberze (voce, chitarra, mandolino e percussioni), Luciano Zanonato (voce, chitarra, piva e percussioni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità