Provinciavicenzareport

25 aprile, cerimonia unica per la Valle del Chiampo

Arzignano – Valle del Chiampo unita, quest’anno, nella celebrazione del 25 aprile. Su proposta delle associazioni combattentistiche, le amministrazioni comunali hanno deciso di organizzare un’unica commemorazione che coinvolgerà i comuni di Altissimo, Arzignano, Chiampo, Crespadoro, Gambellara, Montebello Vicentino, Montorso Vicentino, Nogarole Vicentino, San Pietro Mussolino e Zermeghedo, affidando ad un comune a rotazione, il compito di organizzarla annualmente. Per l’anno in corso, ad organizzare e ad accogliere la manifestazione sarà il Comune di Arzignano.

“Il 25 aprile 1945 – sottolinea in una nota l’amministrazione comunale arziganese – segna il culmine del risveglio della coscienza nazionale e civile italiana, impegnata nel riscatto morale di una importante parte della popolazione italiana dopo la dittatura e la guerra, nella volontà di fondare una Italia libera e nuova. Con la solennità dovuta ai giorni della memoria, ricordiamo i Caduti sui campi di battaglia e non, che hanno dato la vita per conquistare la libertà. Tutti noi ed i giovani in particolare, dobbiamo riflettere seriamente sui valori nei quali sono cresciuti i nostri padri e che sono stati trasfusi nella nostra Costituzione Italiana, per poterli fare propri e rinnovarli oggi, in un momento così difficile e complesso, con la capacità di trasmetterli alle future generazioni”.

Il programma della cerimonia, ad Arzignano, prevede alle 9 il ritrovo personale di schieramento, alle 9.45 l’ammassamento in Piazza Marconi, alle 10 l’alzabandiera e la successiva sfilata del corteo verso il Duomo di Ognissanti. Dopo la messa, che inizierà alle 10.30, è prevista alle 11.15 la deposizione di corone di alloro presso il cortile del Palazzo Mattarello. A seguire la benedizione dei nuovi motocicli della polizia locale, in Piazza Libertà, ed infine il saluto del sindaco di Arzignano Giorgio Gentilin. Seguiranno molti eventi, anche nelle piazze, per tutta la giornata.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button