Breaking News
Una delle foto del volume "Bregonze", di Giuseppe Stella, Valter e Luca Borgo
Una delle foto del volume "Bregonze", di Giuseppe Stella, Valter e Luca Borgo

Zugliano, si presenta il libro fotografico “Bregonze”

Zugliano – Le Bregonze, il sistema collinare che si estende tra i Comuni di Carrè, Chiuppano, Zugliano, Calvene e Lugo, sono le protagoniste dell’omonimo volume di fotografie realizzato da Giuseppe Stella, Valter e Luca Borgo. Il libro, composto da più di duecento foto suddivise in cinque sezioni, riprodotte a colori (la maggior parte) e anche in bianco e nero, verrà presentato domani, venerdì 23 marzo, nel corso di una serata, condotta da Ivo Carollo, che si terrà nella sala pubbliche riunioni, in via Roma, a Zugliano.

Le macchine fotografiche degli autori hanno immortalato scorci del paesaggio, sia quello naturale sia quello modificato dall’uomo, degli insediamenti umani, ma anche del patrimonio culturale che questo territorio racchiude.

“Non mancano – spiega Ferdinando Offelli in una nota di presentazione dell’appuntamento – i riferimenti storici, di una storia non solo millenaria, con Gregorio Magno che sale le colline a dorso di una mula per derimere questioni di confine tra i parroci, ma anche della storia recente, con le Bregonze che hanno visto i nazifascisti scatenare l’eccidio di Marola, e successivamente il formarsi qui della Brigata partigiana Mameli che ha saputo dare un grosso contributo di lotta e di sangue alla lotta di Liberazione nazionale”.

“Restano infine le immagini di persone che sulle Bregonze tuttora vivono e lavorano, trovando in una integrazione con la natura non solo motivi di sussistenza, ma anche di liberazione dal parossismo del vivere in città. Questi ed altri aspetti colti nelle immagini, attestano una molteplicità e una ricchezza di forme di vita. Pluralità e varietà che risultano pervase da uno stesso spirito, un senso di calma e di equilibrio, che informa il paesaggio così come le persone, e che Giuseppe Stella, Valter e Luca Borgo hanno magistralmente saputo cogliere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *