Breaking News
L'assessore Dalla Pozza mostra come potrebbe diventare l'area dell'ex Macello
L'assessore Dalla Pozza mostra come potrebbe diventare l'area dell'ex Macello

Vicenza, uffici e negozi nell’area dell’ex Macello

Vicenza – Nel complesso dell’ex Macello, a Vicenza, dovrebbero trovare posto un mercato coperto, uffici e negozi, oltre ad un collegamento tra viale Giuriolo e contra’ delle Barche. Una importante riqualificazione, insomma, che migliorerà sensibilmente la zona tra piazza Matteotti, via Giuriolo e il quartiere delle Barche.

Lo studio di fattibilità, affidato all’architetto Sergio Chemello di Schio e redatto in condivisione con l’amministrazione comunale, propone, attraverso il recupero dei manufatti esistenti e senza aumento di volumetria, la vendita dell’intero complesso ai privati, i quali potranno sviluppare attività commerciali e direzionali, ma dovranno mantenere anche attività di interesse comune.

“Siamo finalmente giunti ad una tappa importante del percorso di valorizzazione dell’ex Macello – ha precisato l’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana, Antonio Dalla Pozza. Come richiesto dalla Soprintendenza, verrà mantenuta la struttura originaria, con i suoi volumi e le sue sagome.

“Visto che i due bandi che si sono susseguiti e che prevedevano la trasformazione del complesso in una struttura ricettiva sono andati deserti – ha proseguito -, abbiamo ritenuto necessario sviluppare uno studio di fattibilità che prevede il ritorno dell’area all’originaria vocazione commerciale. Il tema verrà discusso in giunta e poi in consiglio. Se tutto dovesse andare a buon fine verrà pubblicato un bando e già entro fine anno l’immobile potrebbe essere assegnato”.

L’idea è quella che l’ex Macello diventi una sorta di vetrina per le eccellenze locali, magari enogastronomiche, puntando quindi all’insediamento di negozi di qualità. Ma l’amministrazione comunale auspica anche che l’area possa diventare un luogo di socialità, grazie allo sviluppo di una nuova piazza e di un nuovo affaccio sull’ansa del Retrone. Si pensa inoltre di realizzare un percorso, oggi inesistente, che metta in comunicazione il quartiere della Barche con via Giuriolo. Un passaggio che consentirà di raggiungere in breve tempo i due luoghi che sia affacciano sul Retrone.

C’è anche la volontà di avere un nuovo spazio pubblico coperto nel quale possa eventualmente insediarsi un mercato di generi alimentari, che potrebbe rivelarsi anche un comodo approdo per gli ambulanti che in caso di maltempo rinunciano a raggiungere il centro creando un disservizio per i cittadini e perdendo fatturato.

“Sarà comunque compito della prossima amministrazione – conclude una nota di Palazzo Trissino – decidere se e come destinare gli spazi pubblici, che tali rimarranno anche se sarà il privato a detenerne formalmente la proprietà, e mettendoli a disposizione dell’amministrazione grazie ad un vincolo funzionale su una parte degli edifici. Nella porzione del complesso che si affaccia su via Giuriolo è ipotizzabile la creazione di una galleria con vetrine interne e sarà possibile avere anche un piano superiore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *