Breaking News
L'assessore Dalla Pozza ha illustrato stamattina il progetto di riqualificazione
L'assessore Dalla Pozza ha illustrato stamattina il progetto di riqualificazione

Vicenza, ok al recupero dell’area di Ponte Alto

Vicenza – In mattina la giunta comunale di Vicenza ha approvato la modifica della convenzione urbanistica con Noaro Costruzioni. Si tratta di un provvedimento che, una volta ratificato dal consiglio comunale, darà il via libera alla riqualificazione dell’area privata ex concessionaria Sartori Motors di località Ponte Alto. Un’area che in questi ultimi anni è stata oggetto di numerosi sgomberi per occupazioni abusive.

Questa operazione, assieme ai lavori all’ex Hotel Europa, localizzato lì vicino, consentirà di dare il via alla riqualificazione della porta ovest di Vicenza, che offrirà vantaggi alla collettività in termini di recupero di un’area molto degradata e di riordino della viabilità.

“Ringrazio il privato – ha sottolineato l’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza – per lo sforzo economico non banale che ha accettato di accollarsi, certo che sarà anche suo interesse garantire l’adeguata qualità architettonica al nuovo edificio commerciale che sorgerà all’ingresso della città”.

E’ soddisfatto l’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza nell’annunciare che la giunta comunale ha approvato questa mattina la modifica della convenzione urbanistica con Noaro Costruzioni. Una volta ratificato dal consiglio comunale, il provvedimento darà infatti il via libera alla riqualificazione dell’area privata ex concessionaria Sartori Motors di Ponte Alto, oggetto in questi ultimi anni di numerosi sgomberi per occupazione abusiva.

“I precedenti accordi – ha poi ricordato Dalla Pozza – prevedevano che il privato potesse realizzare superficie commerciale e direzionale, ma in seguito la proprietà ci ha chiesto di poter eliminare la previsione direzionale. Di qui la necessità di ridefinire la convenzione secondo un assetto che, nel concreto, per il privato si tradurrà nella possibilità di costruire un supermercato. Una opportunità che, va ricordato, è una conseguenza delle normative della Regione, del fatto che l’area, di proprietà privata, anche prima aveva vocazione produttiva, e, infine, che siamo in regime di liberalizzazione per quanto riguarda l’apertura di nuovi supermercati fino a 1.500 metri quadrati di superficie di vendita”.

“Tutto questo non dà all’amministrazione comunale grandi margini per operare, se non nel massimizzare l’interesse pubblico e nell’invitare il privato a realizzare interventi il più possibile di qualità e funzionali allo sviluppo futuro della città. Al pubblico, al netto dei benefici provenienti dalla riqualificazione urbana e dal mancato consumo di suolo, l’operazione porterà opere per un milione e ottocentomila euro, tra le quali una ridefinizione della viabilità che tiene già conto del futuro passaggio del filobus e si raccorda con l’ormai prossima variante alla strada Pasubio. Altri 464 mila euro saranno incassati dall’amministrazione comunale come monetizzazione di parcheggi”.

“Nel dettaglio – chiarisce una nota di Palazzo Trissino -, il privato potrà contare su una superficie commerciale con altezze massime che passano da 25 a 12 metri. La superficie coperta scenderà da 6.200 a 5.300 metri quadrati e rimarrà invariata la superficie utile commerciale di 6.000 metri quadrati, con previsione di realizzare una media struttura di vendita inferiore ai 2.500 metri quadrati, con area parcheggio sotterranea. Le opere a beneficio pubblico si inseriranno nella nuova previsione viabilistica del raccordo previsto tra la strada regionale 11 e la tangenziale, attraverso la realizzazione di due nuove rotatorie che garantiranno al flessibilità degli itinerari, la separazione dei flussi di traffico e la moderazione della velocità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *