Vicenza

Vicenza, nuova donazione per la Bertoliana

Vicenza – E’ stata firmata il 22 marzo scorso la convenzione di una nuova donazione di carte e foto di Laura Lattes alla Biblioteca Bertoliana. Giovanna Dalla Pozza Peruffo, sua allieva ed amica, a 40 anni dalla scomparsa della scrittrice mancata nel 1978, ha voluto arricchire il fondo “Laura Lattes” della Biblioteca Bertoliana di un fasciolo di 34 lettere e di 35 fotografie. Il carteggio comprende le missive inviate alla Lattes a metà degli anni ’10 del Novecento dal bibliotecario Sebastiano Rumor, suo lume tutelare e sostenitore, ricche di preziosi consigli e di incoraggiamenti verso l’allora ventenne studentessa universitaria.

Sono poi presenti due lettere di Aurelio Peretti, futuro docente di letteratura greca all’Università di Pisa, tre di Domenico Bortolan e una di Secondo Piovesan e dello scultore torinese Edoardo Rubino. Tra le foto spiccano delle istantanea di una giovanissima Lattes a Parigi, immagini con il marito Tiberio Tonolli – in una delle quali ritratti in motocicletta – , foto di scuola.

Laura Lattes, nata a Venezia nel 1893 da famiglia ebrea, si trasferisce nell’adolescenza a Vicenza, città eletta a patria adottiva. Qui ha luogo la sua formazione. Intrattiene rapporti di amicizia con personalità del mondo della cultura e dell’arte locali, fra tutti Eurialo De Michelis. Dopo aver viaggiato per qualche anno in Italia, prima per conseguire la laurea poi come insegnante, nel 1934 ritorna a Vicenza, vincitrice della cattedra di italiano all’Istituto magistrale “Don Giuseppe Fogazzaro”.

Nel 1938, a seguito delle leggi razziali, non può più proseguire nell’insegnamento e viene espulsa dall’Istituto. Dopo l’8 settembre 1943 iniziano le persecuzioni contro gli ebrei: per la professoressa Lattes, protetta da tanti amici, iniziano due anni di nascondigli, spostamenti e isolamento. Aiutata dalla famiglia Chilesotti di Thiene, vive per circa un anno nel loro appartamento a Padova, poi presso un istituto di suore dorotee a Venezia, che la tengono nascosta fino alla liberazione. Successivamente viene reintegrata nel suo ruolo di insegnante, a Trento.

Sposatasi con il pianista Tiberio Tonolli, nel 1947 torna a Vicenza e riprende a insegnare all’Istituto Fogazzaro. Scrive numerosi testi didattici per le scuole. Si dedica anche alla scrittura di racconti, fiabe e romanzi, raccolti nei volumi Lo specchio magico, Storie di Dodo, Leonardo e Storie di Mirella, il suo libro più conosciuto. Muore a Vicenza il 5 giugno 1978. Le sue carte sono conservate in Bertoliana all’interno del Fondo “Archivio degli scrittori vicentini del Novecento”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button