La biblioteca di Thiene
La biblioteca di Thiene

Thiene, la biblioteca lancia “Quinta di copertina”

Thiene – Domani al via la rassegna Quinta di copertina – Momenti con l’Autore, una nuova iniziativa promossa dalla biblioteca civica di Thiene, che si articola in tre appuntamenti, con altrettanti autori, che si racconteranno attraverso i loro libri, in un viaggio dentro le storie e i sentimenti raccontati in libertà al pubblico che se ne sentirà così coinvolto, interessato ed emozionato.

Ad aprire la rassegna, domenica 11 marzo, alle 18 al Teatro Comunale, sarà Claudia Guido, autrice di “Ce la farò anche st(r)tavolta – #IoNonMolloMai”. Questo libro nasce dal blog che l’autrice, sulla base di un’esperienza personale particolarmente difficile, ha tenuto nell’ultimo anno e si propone di sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione e della diagnosi precoce del tumore al seno. L’evento è organizzato in collaborazione con l’associazione Raggio di sole onlus, associazione oncologica di volontariato per l’Alto Vicentino, con il coordinamento di Fernando Andrighetto.

I proventi ricavati dalle offerte raccolte con la vendita del libro andranno al progetto Vivi a Colori, che consentirà l’acquisto di una serie di turbanti colorati per il reparto di oncologia dell’Alto Vicentino Ulss 7. La presentazione del libro è affidata alla giornalista Cinzia Zuccon Morgani e il pomeriggio vedrà la presenza di numerosi ospiti e testimonial. Non mancheranno gli intermezzi musicali, proposti dal coro Ensemble la Rose, diretto da Jose Borgo, con l’accompagnamento strumentale di Anna Grendene e Anna Pittaro.

Il secondo appuntamento è in calendario per lunedì 19 marzo, alle ore 20.45, nella sala riunioni della biblioteca: Guido Savio presenterà il libro “Amore: consumazione e conservazione. Stare insieme o smettere nel tempo che passa”. L’autore dialogherà con Lino Cavedon, psicologo e psicoterapeuta. Le domande dalle quali partirà la riflessione sono se è sempre un bene darsi da fare per conservare una relazione d’amore, anche sorvolando su contrasti, conflitti ed incongruenze che, se non metabolizzati, la porterebbero a finire presto; e se esiste un tempo, anche breve, per capire che le cose non vanno e che vanno immediatamente chiuse. Sarà un viaggio nelle possibilità e nelle capacità di una coppia di fare vivere una relazione d’amore e anche delle eventualità di farla finire, perché a dolore non si aggiunga ulteriore dolore.

Chiuderà la rassegna, venerdì 6 aprile, una serata con Carlo Dalla Rovere che presenterà “Le vite nascoste”. Nel corso di questo appuntamento, in programma alle 20.45, nella sala riunioni della biblioteca, l’autore, che volutamente si celerà allo sguardo del pubblico (il suo infatti è uno pseudonimo), affronterà un viaggio tra le tante storie raccontate nel libro e che ha conosciuto come operatore in una comunità di recupero. Storie di vite che non avranno mai l’onore delle cronache, ma che sono più vicine a noi di quanto comunemente si pensi, ma, appunto, “nascoste”.

“Le opere presentate – ha spiegato Anna Binotto, assessore alla biblioteca – sono di generi diversi, ma hanno un elemento in comune: un viaggio introspettivo nella vita degli autori ed in quelle che essi hanno incrociato lungo il loro cammino. Anticipo già che la rassegna non si esaurirà con il terzo incontro: stiamo infatti organizzando altri appuntamenti, per i prossimi mesi, che lanceremo non appena possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *