Breaking News

Recoaro, polemica tra giunta e Cgil sull’antifascismo

Recoaro Terme – “E’ successo un fatto grave durante l’ultima seduta del Consiglio comunale di Recoaro Terme. La maggioranza ha deciso, con scuse a dir poco fantasiose, di rinviare e quindi bocciare la discussione inerente ad un ordine del giorno, presentato dall’opposizione, sul tema della memoria storica e dell’antifascismo, come proposto dall’Anpi in tutte le sedi istituzionali e approvato ad esempio dal Comune di Vicenza”.

Inizia così una nota diffusa oggi dalla Cgil di Valdagno, e firmata dal responsabile della Camera del lavoro Giuliano Ezzelini Storti, con la quale va dunque all’attacco dell’amministrazione comunale di Recoaro su un tema, l’antifascismo, assai caldo in questi giorni, anche perché ampiamente usato nella lunga e, ci sia passato il termine, scomposta, campagna elettorale per le politiche del 4 marzo. La Cgil di Valdagno, nel suo intervento, chiede un immediato ripensamento all’amministrazione di Recoaro, e che il tema che è stato rinviato sia inserito al più presto nell’agenda consiliare, già nella prossima seduta del consiglio comunale.

“L’ordine del giorno – concludono i sindacalisti – va approvato non solo per dare una risposta ad un’istanza legittima e condivisibile dell’opposizione, ma anche per rispetto nei confronti delle famiglie e della popolazione di Recoaro che, nel periodo 1943-1945,  ha subito angherie di ogni genere da parte dei nazifascisti. Valutiamo con rammarico che troppo spesso l’attuale maggioranza consiliare al Comune di Recoaro utilizza la pratica dello struzzo piuttosto che affrontare i problemi reali del paese. Per esempio, sul tema profughi, se si fosse agito subito e in modo diverso la situazione sarebbe stata risolta in modo più sereno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *