Breaking News

Pfas, confortanti le analisi di Acque del Chiampo

Arzignano – E’ giunta al termine l’indagine sulla presenza di Pfas nell’acqua distribuita da Acque del Chiampo ad utenze destinate a servizi di pubblica utilità, con particolare riguardo a quelle frequentate dalla popolazione più giovane, come scuole, impianti sportivi e attività ricreative.  L’indagine è stata condotta, nei mesi di dicembre e gennaio, su richiesta del Comune di Arzignano, in seguito alle numerose richieste pervenute da scuole e altri soggetti.

“I dati – ha reso noto il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin, – confermano la qualità e la sicurezza dell’acqua per queste utenze, come per il resto della rete di distribuzione di Acque del Chiampo. Premetto che fare questa indagine era doveroso e, considerate le mie funzioni e responsabilità, in quanto sindaco, in materia di emergenze sanitarie e di igiene pubblica, soprattutto necessario per monitorare la presenza di Pfas nell’acqua usata nei luoghi di pubblica utilità e nelle scuole. Il comune, in questo ambito, deve avere una funzione di controllo a presidio e tutela della salute dei cittadini e per questo è stata preziosa la collaborazione di Acque del Chiampo, che ha eseguito una rilevazione straordinaria in maniera gratuita e puntuale”.

Le analisi, effettuate dal laboratorio di Acque del Chiampo, hanno riguardato l’acqua distribuita a 40 utenze destinate a servizi di pubblica utilità. “Questi dati confermano – ha spiegato il consigliere delegato di Acque del Chiampo, Andrea Pellizzari, – il rispetto dei limiti di performance per i parametri Pfas  indicati dall’Istituto superiore di sanità. Risultano inoltre rispettati anche i valori più restrittivi definiti dalla delibera della giunta regionale n. 1590 dello scorso 3 ottobre. Questi valori si allineano a quelli delle rilevazioni periodiche che Acque del Chiampo esegue regolarmente da anni sull’acqua distribuita in rete. Anticipo che le ultime rilevazioni di rete verranno inviate, come sempre, alla cittadinanza con la prossima bolletta e sono già disponibili sul sito internet della società”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *