Breaking News

Olimpiadi invernali 2026 in Veneto?

Venezia – “I primi contatti con i colleghi presidenti delle Province autonome di Bolzano e Trento, Kompatcher e Rossi, ci sono già stati: per le olimpiadi invernali del 2026 proporremo una candidatura dolomitica, coordinata tra il Veneto, Bolzano e Trento”. L’annuncio lo ha dato oggi il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, parlando a margine di una inaugurazione all’ospedale di Conegliano, nel trevigiano.

“Saranno olimpiadi a impatto zero – ha detto Zaia –, senza nuovo cemento, che valorizzeranno il già straordinario patrimonio tecnico, sciistico e impiantistico, l’ambiente, la storia e il pregio delle Dolomiti, mettendo anche a frutto l’esperienza che il Veneto sta facendo con i Mondiali di Cortina 2021 e le caratteristiche dell’intero Dolomiti Superski. Mi sorge spontanea l’idea di chiamarle le Olimpiadi dell’Unesco, perché tutto si svolgerebbe sulle montagne che sono Patrimonio universale dell’umanità”

All’annuncio del presidente della Regione è subito seguita una nota della deputata vicentina del Pd Daniela Sbrollini, che ha definito l’idea di Zaia “ambiziosa, condivisibile ma tutta da ancora da costruire. Lo sport – ha sottolineato la parlamentare dem – non ha e non deve avere colore politico. Se all’indomani del grande no di Roma per le olimpiadi 2024 anche il Movimento Cinque Stelle pare essersi ricreduto sull’opportunità dei giochi del 2026, significa che essi sono ormai considerati un fattore positivo di crescita. Non solo portano il prestigio di un grande evento sportivo internazionale, ma hanno anche una ricaduta positiva in termini economici, occupazionali e di immagine per la regione e per tutto il Paese”.

“Per realizzare quest’obiettivo – ha concluso Sbrollini – serviranno però unità ed entusiasmo da parte di tutti, per prime le istituzioni che devono fare squadra, senza distinzioni di colore politico. L’Italia per questi giochi ha un piccolissimo vantaggio: saranno assegnati durante la sessione Cio di Milano, nell’autunno 2019. Un evento che il Coni italiano, guidato da Giovanni Malagò, ha saputo recentemente ottenere. Se questa sfida sarà intrapresa, non verrà meno un mio grande impegno da parlamentare per il Veneto e per l’Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *