Breaking News

Mis: “Festa della Donna strumentalizzata”

Vicenza – “Ogni occasione è buona per un bel corteo antifascista. Anche feste e ricorrenze non sono più tali, ormai, se non se fa occasione per un bello spot antifascista. Peccato che, come nel caso del corteo che oggi attraverserà la città, le strumentalizzazioni in chiave antifascista di temi e battaglie comuni a tutti i cittadini, oltre a non rendere onore a chi le attua, stornino l’attenzione dal loro reale significato”. E’ quanto scrive in una nota oggi il Movimento Italia Sociale di Vicenza, a commento della alla manifestazione “Femminista è antifascista” organizzata per oggi a Vicenza dall’associazione Non una di meno e dal centro sociale Bocciodromo.

“Se la Festa della donna – continua l’esponente dell’estrma destra vicentina – viene strumentalizzata quale momento contro il razzismo fascista ed istituzionale, che usano i nostri corpi per giustificare la violenza più brutale contro le migranti ed i migranti e ulteriori restrizioni alla loro libertà di movimento (cito dalla locandina), risulta difficile capire cosa si vada sostenendo e se chi partecipa oggi manifestazione lo fa per sensibilità verso la condizione della donna, per spirito antifascista o per solidarietà ai migranti”.

“Nel sostenere l’iniziativa, ad esempio – conclude Deghenghi –, un comunicato di Daniele Ferrarin, del Movimento Cinque Stelle, puntualizza che l’antifascismo è condizione primaria per aderire. Dunque, la donna ed i suoi diritti passano in secondo piano. È evidente il tentativo di appropriarsi della Festa della donna per farne strumento di propaganda ideologica e veicolo improprio per altre e poco attinenti rivendicazioni. Il Movimento Italia Sociale andando oltre sterili ed inutili polemiche, rivolge gli auguri a tutte le donne, nella giornata loro dedicata. Anche a quelle antifasciste, sia chiaro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *