Breaking News
Nicola Zanini
Nicola Zanini

Calcio, il Vicenza in trasferta contro la Triestina

Vicenza – “La Triestina è un’ottima squadra, da primi posti come organico e struttura. Domani troveremo un campo pesante, con possibilità di pioggia. Sarà una battaglia, ma fa parte del calcio. Abbiamo provato un paio di soluzioni per il centro campo, che mi riservo fino all’ultimo”. Così l’allenatore del Vicenza Nicola Zanini, quest’oggi, parlando dell’impegno di domani pomeriggio, domenica 11 marzo, alle 16.30, a Trieste, nel quale i biancorossi cercheranno una vittoria che sarebbe importante su tutti i fronti, a cominciare da quello legato alla classifica, in procinto di tornare scabrosa dato che presto arriveranno per il club i quattro punti di penalizzazione per il mancato pagamento, in dicembre, di stipendi e contributi.

Quello che c’è di buono è che il Vicenza ha alcune partite da recuperare in più rispetto alle altre squadre, compresa quella con la Fermana che è stata rinviata la settimana scorsa in segno di lutto per l’improvvisa e sconcertante morte del capitano della Fiorentina Davide Astori. Sarà recuperata il 4 aprile, ed anche il Vicenza avrà modo e tempo per recuperare e limitare i danni della penalizzazione, ha i numeri per farlo. Naturalmente sullo sfondo resta l’incertezza sulla vera soluzione dei problemi, ovvero l’uscita dal dramma dei mesi passati, che ha portato al fallimento della società ed alla necessità che qualcuno si faccia vivo e rilevi il club nell’asta fallimentare che si terrà nelle prossime settimane. Niente di nuovo e di certo, almeno per ora, su questo fronte…

Riguardo alla partita rinviata la scorsa settimana, “è stato uno stop doloroso e inaspettato – ha detto Zanini -, e sapremo presto se può aver complicato le cose. Il fatto che abbiamo tre partite in meno rispetto a qualcuno può essere positivo, ma le gare vanno giocato e la classifica interpretata. E’ necessario ora vivere partita per partita, ci aspettano sette gare in ventotto giorni, spesso ravvicinate. Sarà complicato, questo mese è cruciale per il destino del Vicenza. Ho già parlato con tutti i ragazzi, servono sacrifici, ma ci siamo e siamo pronti ad affrontarli”.

“Il nostro futuro insomma si decide adesso – ha poi concluso il tecnico -, e la palla torna sempre a noi. Dal punto di vista fisico la squadra sta bene, abbiamo recuperato dai vari acciacchi. Quelli che hanno giocato poco, come Jakimovski e Giorno, stanno recuperando bene. Giacomelli sconterà la squalifica e lo aspettiamo venerdì. Ora abbiamo la possibilità di modificare in corsa la partita, con dei giocatori in grado di interpretare diversi ruoli, e questo aspetto è decisamente importante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *