Brendola, via ai lavori su fognature e acquedotto

Brendola – Partiranno presto, a Brendola, i lavori in via Dante per l’adeguamento e l’estensione della rete fognaria e il rifacimento dell’acquedotto. Acque del Chiampo avvierà infatti il cantiere il 3 aprile. La società, in sintonia con l’amministrazione comunale, ha presentato nei giorni scorsi il progetto ai cittadini, nella sede municipale di Brendola, inaugurando un metodo di illustrazione in loco degli interventi che d’ora in poi andrà a realizzare nei territori di cui ha competenza, ovvero, oltre a Brendola, Arzignano, Chiampo, Montorso Vicentino, Altissimo, San Pietro Mussolino, Crespadoro, Nogarole Vicentino, Montecchio Maggiore, Lonigo.

“L’intervento – spiega in una nota Acque del Ciampo – prevede l’adeguamento e l’estensione della rete fognaria, a partire da Piazza Marconi e lungo via Dante, via IV Novembre, Strada del Tovo e un breve tratto di via Monte Grappa. Sarà realizzato anche un nuovo impianto di sollevamento, collegato alla rete fognaria principale di Brendola, e i reflui saranno collettati al depuratore di Montecchio Maggiore, ottenendo così un importante beneficio ambientale”.

La zona interessata ai lavori è un’area residenziale che si trova nella parte collinare del territorio comunale, compresa nell’agglomerato urbano per il quale sussiste l’obbligo di collettamento degli scarichi ai sensi del Piano di tutela delle acque. Tutta la rete idrica verrà rifatta e si procederà alla posa anche di una nuova rete per le acque meteoriche oggi inadeguata e precaria.

“Abbiamo voluto inaugurare, a Brendola – ha commentato Andrea Pellizzari, consigliere delegato di Acque del Chiampo Spa –, una nuova stagione nel rapporto con i comuni azionisti e con il territorio, con le persone e le famiglie che serviamo, andando fuori azienda ad illustrare i lavori che faremo. A Brendola abbiamo trovato un’amministrazione comunale collaborativa e l’incontro con la popolazione è stato senz’altro positivo”

“Si tratta di un investimento, da parte di Acque del Chiampo, di oltre 500 mila euro – ha osservato il sindaco di Brendola, Bruno Beltrame, – che va direttamente a migliorare la qualità della vita dei nostri residenti su servizi essenziali come acqua e fognature. Per me, che in questi giorni festeggio il primo anno da primo cittadino, è un fatto molto positivo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *