Sport

Basket, VelcoFin Vicenza ko, battuta da Alpo

Vicenza – Due sconfitte per la VelcoFin Vicenza negli ultimi quattro giorni. Dopo il pesante stop interno di domenica, per mano di Costa Masnaga, ieri sera, le biancorosse sono state superate, per 50-58, dalle biancoblù dell’Ecodent Alpo di Villafranca di Verona. Questo match, recupero della quarta giornata di ritorno del campionato di A2 di basket femminile è andato in scena ieri, con palla a due alle 20.30, sera al PalaGoldoni.

Coach Chimenti schiera Mingardo nello starting-five assieme a Federica Destro, Ferri, Brcaninovic e Zanetti. Le ospiti, che rispondono con Vespignani, Mancinelli, Ramò, Scarsi e Zampieri, si portano subito in testa, 2-7. Si segna con il contagocce e la linea di fondo sfruttata da Ramo, preceduta dal centro di Mancinelli, chiude il break di 0-6, 4-13, che vale l’accenno di fuga delle scaligere. Buon per Vicenza che Martina Destro, dopo oltre 5 minuti di astinenza, inventi il 6-13 nel pitturato, che apre le porte al primo mini riposo e saluta il 3/17 biancorosso dal campo con un preoccupante 0/6 di Brcaninovic.

In avvio di secondo, dopo lo 0/2 di Ferri dalla linea dei liberi Federica Destro sigla l’8-14, prima che Cabrini dimenticata dalla difesa vicentina, e Vespignani, timbrino il +11 Ecodent, 8-19. La reazione della VelcoFin ha il volto di Brcaninovic, 11-19. Ma gli sforzi della bosniaca sono vanificati da un’amnesia difensiva che apre una vera autostrada davanti a Cabrini, 11-21. Vicenza cambia marcia: cinque punti di Mingardo intervallati dal piazzato di Ferri valgono il -4, 17-21 e forzano il timeout di coach Nicola Soave. Ad uscire rafforzata dopo il minuto di sospensione è la truppa biancorossa: i canestri di Brcaninovic (contropiede e tripla) e di Federica Destro, trasformano il break di 6-0 in un 13-0, 24-21, a tre minuti scarsi dalla seconda sirena. Le biancoblù ritrovano la via del canestro e impattano, 24-24, ma al ventesimo a condurre è la VelcoFin, 28-24.

Le beriche restano avanti sino all’inizio del quarto minuto del terzo periodo, quando Scarsi imbuca il 29-30 dal mezzo angolo. Poi, per un paio di minuti, nessuno riesce più a violare la retina. A sbloccare l’impasse ci pensa Ramò. Alla sua tripla (29-33), Monaco risponde con un one-woman-show di 10 punti, che tiene a galla Vicenza, 41-45, con l’aiuto di un canestro griffato Martina Destro. Il periodo va in archivio col canestro di Brcaninovic che fissa il -4 interno, 43-47, e annuncia che la VelcoFin è viva e vegeta.

Pian piano Vespignani e compagne incrementano il loro vantaggio, che al quarto minuto è di 7 punti, 47-54. Le due compagini cominciano a litigare insistentemente con il ferro ed è Ramò che mette fine a questo festival dei canestri mancati, appoggiando al tabellone il 48-56 che, a novanta secondi dai saluti, costringe Chimenti alla sospensione. In quasi 9 minuti le biancorosse hanno segnato 5 punti, le veronesi pochi di più (9) ma ad inseguire sono, purtroppo, le padrone di casa. Il cronometro avanza e per Vicenza non c’è più tempo per recuperare. Al PalaGoldoni finisce 50-58 e le vicentine guardano ora alla trasferta di sabato, a Bolzano.

Vicenza: Martina Destro 5, Monaco 10, Mingardo 5, Federica Destro 10, Stoppa, Gamba, Ferri 4, Brcaninovic 16, Santarelli ne, Zanetti, Pizzolato ne, Maculan ne

Villafranca di Verona: Vespignani 10, Cabrini 7, Dell’Olio ne, Viviani ne, Zanella, Scarsi 7, Pusceddu ne, Zanardelli 1, Zampieri 13, Ramò 11, Mancinelli 9, De Marchi ne

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button