Breaking News
Ivano Beggio - Foto di Claudio Pavanello (CC BY-SA 4.0)
Ivano Beggio - Foto di Claudio Pavanello (CC BY-SA 4.0)

Addio a Ivano Beggio, fondatore della Aprilia

Venezia – “Ha perso l’ultima corsa, ma per tutta la sua vita è stato un vincente”. Con queste parole, il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, ha ricorda la figura dello storico fondatore e patron dell’Aprilia, Ivano Beggio, scomparso a 73 anni per una grave malattia.

“Le motociclette prodotte a Noale – ha aggiunto Zaia – hanno portato in alto campioni come Rossi, Capirossi, Biaggi. Lorenzo, mentre le produzioni da strada, moto e scooter, hanno segnato un’epoca, per le due ruote in assoluto, per il motociclismo sportivo ma, più in generale, per l’imprenditoria veneta, che trovò in lui un capitano d’industria appassionato e indomabile, al punto di sfidare sul mercato i vari colossi giapponesi”.

“Proprio domenica prossima – ha concluso il presidente della Regione – si corre in Qatar il primo Moto Gp del 2018. Le cronache sportive danno il Team Aprilia in ascesa, con un pilota collaudato come Aleix Espargaro e il nuovo arrivo Scott Redding. Ivano li guarderà dall’alto, e sarebbe bello vedere una livrea Aprilia lottare là davanti e, magari, centrare il podio, come per dirgli grazie, ci mancherai”.

Il fondatore dell’Aprilia è stato anche ricordato oggi da Andrea Dell’Orto, presidente di Confindustria Ancma, il raggruppamento confindustriale dei costrutto di motocicli, del quale lo stesso Beggio era stato Presidente dal 2001 al 2004. “Un imprenditore illuminato – sono le parole di Dall’Orto -, che ha saputo cogliere in anticipo le tendenze del settore motociclistico, sia nella produzione stradale che nel racing. Con Aprilia ha creato un marchio che ha lasciato un segno profondo nell’ambito della mobilità urbana, del tempo libero e dello sport, mettendo l’eccellenza tecnologica al servizio della passione. Con la stessa profondità di analisi, Beggio aveva guidato Confindustria Ancma, gettando le basi per affrontare le sfide globali che il nostro settore sta fronteggiando in questi anni ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *