Breaking News
Nicola Zanini
Nicola Zanini

Vicenza in trasferta a Salò. Torna l’ipotesi Calabrò?

Vicenza – Un Vicenza Calcio che guarda con una certa speranza al futuro è impegnato domani in trasferta, sul terreno di gioco della Feralpisalò, con fischio d’inizio alle 16.30. Non sarà una partita facile, ma certamente è più abbordabile di quella di una settimana fa contro la capolista Padova, che è di sicuro la corazzata del campionato e che in fondo i biancorossi hanno affrontato uscendone con onore seppur sconfitti. Insomma, un Vicenza che può e deve cercare la vittoria, e che potrebbe anche trovare una soluzione al vero problema che è quello della sopravvivenza societaria.

Si avvicina infatti la data dell’asta fallimentare, in marzo, e sembra vi siano manifestazioni di interesse. Si torna a esempio a parlare della cordata lombardo-piemontese rappresentata da Ubaldo Calabrò. Ne parla oggi con rilievo Il Giornale Di Vicenza, spiegando che ci sarebbe già garantito il versamento immediato di un milione di euro, ovvero la cifra necessaria per completare il campionato. Il quotidiano vicentino aggiunge che al fianco di Calabrò, che ha già incontrato il curatore fallimentare Nerio De Bortoli, ci sarebbero anche  l’ex portiere Stefano Tacconi ed un investitore africano che diventerebbe sponsor. Vedremo cosa succederà…

Per quanto riguarda invece la partita di domani, “la Feralpisalò – ha detto oggi il tecnico biancorosso Nicola Zanini, nel consueto pre partita con la stampa, – è una squadra forte, quadrata, di categoria, allenata bene. Il Padova è l’unica che dispone di una rosa per affrontare una categoria superiore. Dobbiamo scendere in campo credendo nei nostri mezzi e nelle nostre qualità. Abbiamo dimostrato di averle, ritengo che il Vicenza abbia qualità, attributi e da qui in avanti sapremo dimostrali”. Quanto allo stato di salute della squadra, “Alimi non ce la fa – detto Zanini -, Romizi è squalificato, mentre Malomo e Crescenzi stanno meglio. Bianchi ha la febbre, valuteremo nelle prossime ore”.

“Nessuno deve stare tranquillo – ha poi concluso il tecnico -, dobbiamo giocare da squadra che si deve salvare. Il primo tempo contro il Padova è stato bellissimo, ma abbiamo sofferto nella ripresa. Ora serve fare punti, dobbiamo sistemare la classifica, non importa come giochiamo, servono i punti. Domani mi aspetto una prova di carattere, una guerra, sportivamente parlando. I ragazzi hanno dimostrato di voler rimanere, il mercato si è concluso, tocca a noi risolvere la situazione in campo con la giusta cattiveria e attenzione che ho visto in settimana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *