Breaking News

Thiene, picchia sconosciuti: “Sparlavano di mia nonna”

Thiene – “Li ho colpiti perché stavano bisbigliando contro mia nonna”. Questo ha raccontato agli agenti della polizia locale che nel pomeriggio di oggi l’hanno fermato, nel centro storico di Thiene, un 20enne di origini ghanesi, accusato di aver picchiato tre persone.

Il primo episodio risale a circa una settimana fa, il secondo si è verificato nel tardo pomeriggio di martedì 30, di fronte alla chiesetta Rossa, in corso Garibaldi, mentre il terzo è avvenuto alle 15.40 di oggi, giovedì primo febbraio, in via Trieste.

In tutte e tre le occasioni, le persone picchiate hanno riportato percosse o lesioni lievi. Hanno sporto regolare denuncia querela nei confronti dell’aggressore, che subito dopo averle prese a pugni è fuggito via, lasciandole doloranti, ma anche e forse soprattutto, sconvolte per il gesto.

Gli agenti della polizia locale Nordest vicentino hanno ascoltato le testimonianze delle persone colpite e raccolto tutti gli elementi utili all’identificazione dell’aggressore. Un lavoro che verso le 16 di oggi li ha portati a fermare e controllare, all’incrocio tra corso Garibaldi e via de Marchi, quello che ritengono essere il responsabile delle violenze.

Si tratta di un giovane di 20 anni nato e residente a Palermo, arrivato a Thiene circa due settimane fa in cerca di lavoro e ospite di un suo conoscente. Interrogato sui motivi che l’hanno spinto a prendersela con dei perfetti sconosciuti, il ragazzo ha risposto spiegando di averli uditi sparlare di sua nonna. Al termine delle formalità di rito, il 20enne è stato ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Alto Vicentino di Santorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *