Arte, Cultura e Spettacoli

“L’anatra all’arancia” al Teatro Comunale di Vicenza

Vicenza – Un titolo conosciuto, una commedia irriverente ma di gran classe, in una recente edizione. Avrà queste caratteristiche il prossimo appuntamento della stagione di prosa del Teatro Comunale di Vicenza, ovvero la commedia “L’anatra all’arancia”, con Luca Barbareschi e Chiara Noschese, in programma martedì 27 e mercoledì 28 febbraio alle 20.4. E’ una produzione del Teatro Eliseo di Roma in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, in tournée per la seconda stagione consecutiva sui palcoscenici italiani.

Luca Barbareschi, attore, regista e produttore apprezzato dal teatro italiano, ma anche da cinema e televisione, firma anche la regia e la traduzione del testo, tratto da “The Secretary Bird”, di William Douglas Home, nella versione francese di Marc Gilbert Sauvajon. Come sempre, lo spettacolo sarà preceduto dall’Incontro a teatro, che si terrà nel Foyer,  alle 19.30, sia martedì che mercoledì, condotto da Caterina Barone, giornalista e critico teatrale del Corriere del Veneto, docente di Storia del teatro greco e latino all’Università di Padova.

“L’anatra all’arancia” racconta di un uomo e di una donna, e di come il protagonista si inventi un modo per riconquistare la moglie, che amava e che lo ha tradito, architettando un piano per dimostrarle che lui è il suo unico amore anche dopo 25 anni. La pièce viene proposta in una moderna edizione, impreziosita da un cast importante: con Barbareschi e la Noschese, ci sono anche Ernesto Mahieux, Gerardo Maffei e Margherita Laterza.

“Ciò che muove il meccanismo di questa storia – si legge nelle note di regia – è l’incomprensione, l’egoismo, non la gelosia. Parliamo di una macchina perfetta, di dialoghi d’autore, in cui si scandaglia l’animo umano e le complesse dinamiche di coppia. L’happy ending arriva benefico dopo due ore di spettacolo durante le quali la psicologia maschile e quella femminile permettono al pubblico di identificarsi con i protagonisti”.

La commedia, scritta nei primi anni ‘70, ha avuto una edizione  nel 1973, rimasta storica, diretta e interpretata da Alberto Lionello, al cui fianco recitava Valeria Valeri. Celebre è anche la versione cinematografica, con Ugo Tognazzi e Monica Vitti, nei panni della coppia protagonista, per la regia di Luciano Salce. Barbareschi regista afferma che non ha voluto rifarsi ai vecchi modelli, nei quali comunque si ritrova grazie alle interpretazioni degli artisti che hanno affrontato questi ruoli. Biglietti come sempre anche online sul sito www.tcvi.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button