Breaking News

Hit Show, Dovigo (LeU): “Tutti armati in futuro?”

Da Valentina Dovigo, consigliere comunale a Vicenza per una lista civica e Sel e candidata al Senato, nel collegio uninominale, per Liberi e Uguali, riceviamo e pubblichiamo…

*****

Vicenza – Si è tenuta nei giorni scorsi a Vicenza la fiera Hit Show, dedicata al mondo delle armi, con un grande successo di pubblico ed una rinnovata attenzione alle armi in generale, soprattutto quelle per la difesa personale. Un segno dei tempi, delle trasformazioni della società, delle nostre paure collettive, o la preparazione di un futuro che ci vedrà tutti più armati spararci l’un l’altro, con la segreta convinzione però di essere tutti più sicuri?

Le dichiarazioni del sindaco Variati, sulla necessità di allontanare i minori dalla possibilità di giocare con le armi e dalla fiera, e l’auspicio di vedere l’esposizione suddivisa per comparti e corredata da esaurienti spiegazioni, sono del tutto condivisibili, a parte la comicità involontaria della distinzione fra armi da guerra e non da guerra.

Peccato però che le associazioni per la pace lo stiano chiedendo dal febbraio 2015 senza aver mai avuto un riscontro oggettivo. Peccato che il sindaco abbia taciuto, nel febbraio 2017, quando la Fiera di Vicenza ha ripristinato l’ingresso ai minori ad Hit Show, dopo averlo temporaneamente sospeso, e peccato infine che l’amministrazione comunale non sia stata capace di costruire per questa edizione 2018 nulla di concreto dopo che una mozione votata da una larga maggioranza consiliare avesse stabilito nel settembre 2017 di avviare relazioni politiche il più possibile ampie per redigere un regolamento etico.

Una promessa proclamata a tre mesi dalla scadenza elettorale e praticamente rinviata al successore sa molto di presa in giro, per chi, come me ed altri, è attiva da tempo su questi temi. Il nostro impegno continuerà ora per puntare ad una revisione o restrizione dei requisiti che prevedono l’acquisto di un’arma ad uso sportivo, ad oggi l’escamotage più semplice per dotarsi di un’arma aggirando i controlli più complessi necessari per altri tipi di licenza.

E perché l’Italia non finisca rapidamente, come ampie zone degli Stati Uniti, nella pericolosa escalation della violenza urbana e delle sparatorie in strada, come Liberi ed Uguali ci batteremo in parlamento per questo ed altri provvedimenti legislativi.

Valentina Dovigo – Consigliere comunale Lista Civica e Sel
Candidata per Liberi e Uguali al Senato nel collegio uninominale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *