Breaking News

Lonigo, venditori non tecnici comunali

Lonigo – “Quei venditori porta a porta di dispositivi per rilevare la presenza di perdite di gas in casa, non sono operatori pubblici”. Un chiarimento, questo, che viene dal sindaco di Lonigo, Luca Restello, e dal comandante del corpo intercomunale di polizia locale, Alessandro Rigolon, con riferimento ad alcuni episodi segnalati in questi giorni in città.

“La vendita dei dispositivi citati è una attività lecita – ha subito precisato Restello – ma che non coinvolge in nessun modo il Comune né altri gestori di servizi pubblici. Non vi è quindi alcun obbligo di far accedere questi venditori in casa, per controllare le tubazioni o gli apparecchi a gas”.

Quella che viene proposta ai cittadini, è, in sintesi, una semplice un’offerta commerciale fatta da soggetti privati che, come tale, può essere accettata o rifiutata in piena libertà. “Occorre precisare, inoltre, – ha concluso Restello – che l’incaricato che si presenta alla porta deve avere con sé, esposto in maniera chiara e visibile, un tesserino identificativo con generalità e foto”.

“Invitiamo i cittadini leoniceni – ha poi sottolineato il comandante Rigolon – ad allertare senza esitazione il nostro Comando nel caso in cui gli addetti alla vendita si facessero passare per operatori comunali o addetti di aziende pubbliche, se dovessero dimostrarsi troppo insistenti con le richieste di accesso nelle abitazione o, ancora, nel caso in cui fossero sprovvisti di cartellino di riconoscimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *