Breaking News

Dalla Rosa: “Superare campanili per l’efficienza”

Vicenza – “Le città metropolitane sono le aree che in Italia crescono di più. Le indicazioni emerse durante l’incontro dell’Anci confermano quello che diciamo da tempo: è finito il tempo dei campanili, servono integrazione e collaborazione tra i comuni contermini, serve ragionare in termini di area vasta. Vicenza sta già lavorando in questa direzione, con progetti concreti, ed è lungo questa strada che deve continuare a correre”. Così, Otello Dalla Rosa, candidato del centrosinistra, a Vicenza, alle elezioni comunali che si terranno a primavera inoltrata, probabilmente in maggio. dalla rosa è intervenuto sul tema delle città metropolitane dopo il summit dell’Anci, che si è tenuto a Venezia nei giorni scorsi.

“Trasporto pubblico – ha aggiunto dalla Rosa -, mobilità, turismo, sviluppo economico, sicurezza e ambiente: mettendo assieme le forze e promuovendo interventi e strategie comuni possiamo davvero creare nuove opportunità per cittadini e imprese, valorizzando talenti ed eccellenze e migliorando la qualità dei servizi. Non si tratta solo di accedere a bandi e finanziamenti, che premiano sempre più i progetti di condivisione, ma si tratta soprattutto di affrontare assieme le  sfide, che non si fermano ai confini di Vicenza o Creazzo, Altavilla o Torri di Quartesolo”.

“Vicenza può e deve avere un ruolo di primo piano nel panorama regionale – ha poi concluso il candidato sindaco del centrosinistra -. Per questo dobbiamo lavorare con i Comuni a noi vicini e allo stesso tempo con le altre città venete. Non dobbiamo avere paura di essere protagonisti e di guardare all’area metropolitana del Veneto centrale. Le capacità le abbiamo. Basta pensare, per citare il campo della formazione, al Cuoa o all’Università, che già condividiamo con Verona e Padova. Una risorsa, quest’ultima, che conta 4000 studenti, 60 dottorandi e 800 laureati all’anno e che punta al raddoppio dopo il completamento del secondo lotto di aule. Realtà che costituiscono un asse fondamentale dello sviluppo economico e imprenditoriale del territorio, non solo del capoluogo, ma del vicentino e dell’intera regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *