Breaking News

Arzignano, consigli contro il grande freddo

Arzignano – Come spiegato, nel dettaglio, in un’altra pagina del giornale, nel fine settimana dovrebbe arrivare il grande freddo siberiano. L’aria gelida di origine artica interesserà tutto il Veneto e proprio in considerazione delle previsioni attese, il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin e l’assessore alla Protezione civile, Nicolò Sterle, hanno predisposto tutte le misure di prevenzione possibili: sarà monitorata la situazione e, in caso di necessità, verranno attivati i servizi di protezione civile.

In particolare, il Comune è pronto ad intervenire anche con lo spargimento, sulle strade, di sale e ghiaino in caso di neve o gelate. A questo proposito, visto il drastico calo delle temperature previsto nei prossimi giorni, l’amministrazione comunale è intervenuta per rammentare alcuni corretti comportamenti da seguire per evitare disagi.

“C’è il rischio – sottolinea infatti una nota diramata in proposito – che l’acqua geli dentro le tubature, causando danni ingenti. E’ quindi opportuno che tutti i tubi a vista vengano protetti in modo opportuno, ad esempio con appositi isolanti per tubi in poliuretano, lana di roccia o lana di vetro oppure, se non si dispone di questi materiali, si possono proteggere con coperte o pezzi di lana”. Le stesse precauzioni valgono per i contatori. I dispositivi più a rischio sono quelli posizionati all’esterno delle abitazioni: se si dovessero congelare, però, non bisogna cercare di rimediare riscaldandoli con fiamma viva.

“Il pericolo che l’acqua geli nei tubi aumenta quando l’acqua, specie durante le ore notturne e più fredde, non viene usata. Vale dunque il vecchio consiglio di lasciare che da un rubinetto esca un filo d’acqua. È sufficiente una modesta quantità, evitando inutili sprechi”.

Al contrario, se si parla di seconde case o abitazioni di villeggiatura, specie nelle zone fredde, o comunque di case non abitate da tempo, è bene chiudere la valvola generale vicino al contatore, lasciando poi aperti tutti i rubinetti, in modo che, anche in caso vi siano residui di acqua accumulata nei tubi, essa trovi un libero sfogo senza esercitare pressioni in caso di gelate.

“In qualità di primo cittadino e di medico – ha precisato Gentilin – invito tutti i cittadini a tenersi puntualmente informati sull’evoluzione delle condizioni meteo. Coloro che rientrano nelle fasce di popolazione più fragili, per esempio gli anziani o le persone con problemi fisici, dovrebbero evitare di uscire di casa in concomitanza con il grande freddo e le gelate previste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *