Breaking News

Armi, scuola di Vicenza porta studenti al poligono?

Vicenza – “Mi giunge da parte di un genitore di un ragazzo di prima superiore una segnalazione che, a maggior ragione di questi tempi, ritengo sconcertante. Un istituto tecnico di Vicenza, l’Almerico da Schio, avrebbe deciso di prevedere, tra le proprie attività formative, anche quella di avvicinare i ragazzi minorenni alla pratica del tiro a segno, portandoli direttamente al poligono. Nel sito web della scuola tuttavia questa attività non compare tra quelle legate al piano dell’offerta triennale. Posso capire che il tiro a segno sia una disciplina sportiva che, come tutte, punta a creare vivai e promuove la diffusione tra i giovani. Ritengo tuttavia che l’utilizzo di pistole ed armi, seppur ad uso sportivo, non debba essere promosso in alcun modo dalla scuola pubblica”.

E’ quanto scrive oggi in una nota il consigliere regionale Andrea Zanoni, del Partito Democratico, che oltre alla denuncia del fatto incalza così la Regione rivolgendosi direttamente al suo presidente, Luca Zaia, e all’assessore all’istruzione, Elena Donazzan, affinché facciano luce sul caso, auspicando il loro intervento per bandire dal Veneto ogni tipo di attività scolastica che preveda l’uso di armi, anche se ad aria compressa.

“Sarebbe – sottolinea Zanoni – un atto doveroso e di responsabilità. Non è infatti accettabile che la scuola diventi luogo nel quale facilitare l’avvicinamento e la pratica di strumenti che, al netto del risvolto sportivo, restano drammaticamente ed in via prioritaria strumenti di offesa e morte. Tanto più alla luce dei recenti e periodici fatti di sangue che hanno trasformato le scuole negli Stati Uniti in tragici luoghi di mattanza. Non c’è davvero bisogno di inseguire, neppure alla lontana, questo modello totalmente negativo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *