Vicenza Calcio, chiesto il fallimento

Vicenza – Chiesto oggi dalla Procura della Repubblica il fallimento del Vicenza Calcio. Il procuratore capo di Vicenza, Antonini Capelleri, con questo provvedimento non ha fatto altro che seguire un tracciato scontato, largamente previsto sulla base del fascicolo già aperto dopo il blitz della Guardia di Finanza, il mese scorso nella sede di Via Schio.

E poi ci sono le vicende degli ultimi giorni, con gli stipendi non pagati e lo stato di agitazione dei giocatori. Nel provvedimento si chiede però che il curatore fallimentare mantenga in vita l’attività della squadra grazie all’esercizio provvisorio, cosa che consentirebbe ai biancorossi di terminare il campionato e darebbe, nel frattempo, la possibilità a qualche imprenditore che lo volesse di rilevare il club.

Si tratterebbe dell’auspicato “fallimento pilotato” che salverebbe il titolo sportivo e garantirebbe di fatto una sopravvivenza della squadra. E’ questa una strada che è stata percorsa in passato, anche recente, da svariate società calcistiche che hanno vissuto crisi analoghe. Quanto ai giocatori, invece, potranno scegliere, se proseguire o essere liberi dal contratto che li lega al Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *