Breaking News

Trasporto ferroviario, nuovo accordo con Trenitalia

Venezia – “Quella di oggi è una giornata storica: il Veneto è la prima Regione d’Italia a firmare il nuovo contratto di servizio con Trenitalia, un accordo del valore di 4,4 miliardi complessivi, dei quali uno di soli investimenti che consentiranno il totale rinnovo della flotta dei treni circolanti nel nostro territorio”. Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, stamane a Palazzo Balbi, a Venezia, dove ha sottoscritto con l’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, il nuovo contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario nella regione per il periodo 2018-2032. Erano presenti anche il ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, e l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane, Renato Mazzoncini.

Sul fronte treni, insomma, dovrebbe esserci un miglioramento complessivo dell’offerta del servizio, anche dal punto di vista infrastrutturale. “Nel rispetto dei regolamenti comunitari – ha spiegato il presidente del Veneto, Luca Zaia – abbiamo proceduto ad un affidamento diretto, per dieci anni più cinque, a Trenitalia, ottenendo l’acquisizione dei servizi previsti alle migliori condizioni di mercato. Stiamo vivendo una fase storica perché, dopo essere riusciti a migliorare, negli anni scorsi, il servizio su ferro nella nostra regione, chiedendo a Trenitalia di fare un salto di qualità, ora abbiamo davanti a noi una programmazione concreta che porterà il Veneto a disporre di un sistema ferroviario tra i più efficienti e moderni d’Europa.

“Essendo il  Veneto la regione che ha firmato per prima l’accordo, saremo anche i primi a ricevere i nuovi convogli, 78 in totale, previsti dal contratto di servizio: 47 Rock e 31 Pop, treni confortevoli, più veloci, capaci di trasportare numerosi passeggeri, attrezzati per accogliere anche le biciclette, dotati di sistema di videosorveglianza e Wi-Fi”.

Il ministro Delrio si è complimentato con la Regione per la capacità programmatoria e l’efficacia amministrativa dimostrata in questa occasione. “Ci accomuna – ha infatti commentato, rivolgendosi a Zaia e all’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti – l’impegno nel cercare di capire le difficoltà della gente comune, ma soprattutto la passione per far vivere meglio le persone nella loro esistenza quotidiana, di cui i trasporti e la mobilità sono una componente importante”.

“Con questo accordo – ha sottolineato da parte sua l’amministratore delegato di Trenitalia – è previsto lo sviluppo di servizi anche nelle aree in cui il treno è meno utilizzato. Puntiamo ad aumentare i passeggeri e a convincere un numero sempre maggiore di pendolari a lasciare la propria auto e a utilizzare il servizio pubblico. Nei 15 anni di contratto di servizio c’è la garanzia dell’ammortamento degli investimenti, ma soprattutto c’è la garanzia di poter disporre a regime di 110 nuovi treni che sostituiranno con maggior efficacia e funzionalità i 130 oggi in esercizio, disponendo di una flotta che non avrà uguali nemmeno nei Länder più evoluti della Germania”.

Da segnalare infine anche il commento sull’accordo siglato oggi del capogruppo del Pd in consiglio regionale Stefano Fracasso. “Accogliamo con favore – ha detto – l’obiettivo del potenziamento del servizio di trasporti su rotaia e del rinnovo del parco treni. Nonostante i dettagli non siano conosciuti, speriamo che il contratto preveda anche il miglioramento del servizio sulla tratta Verona-Rovigo, maglia nera in Italia sulle linee pendolari”.

“Ultimamente – ha concluso Fracasso – l’autority dei trasporti è intervenuta a garantire le procedure di competitività nell’affidamento dei servizi di trasporto locale, come in Piemonte. Zaia tre anni fa aveva promesso la gara dei servizi per avere dei treni alla giapponese, ma come spesso accade ha fatto esattamente il contrario rispetto a quanto promesso in campagna elettorale con la proroga di Trenitalia. Chiediamo pertanto che l’assessore regionale De Berti riferisca quanto prima in commissione trasporti sulle nuove condizioni del contratto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *