Breaking News

Una serata per la messa al bando delle armi nucleari

Vicenza – Domani sera, martedì 30 gennaio, alle 20.30, nella sala conferenze dei chiostri di Santa Corona, a Vicenza, è in programma un incontro sul trattato per la messa al bando delle armi nucleari, adottato lo scorso 7 luglio da una conferenza delle Nazioni Unite con il voto favorevole di 122 Stati. Si tratta del primo trattato internazionale vincolante per la completa proibizione delle armi nucleari, rendendole illegali, in un percorso verso la loro completa eliminazione. È aperto alla firma a New York dal 20 settembre 2017 ed entrerà in vigore 90 giorni dopo la ratifica da parte di almeno 50 Stati.

La serata è organizzata da Casa per la Pace, Rete Disarmo e altre quindici associazioni vicentine, in collaborazione con la sezione di Vicenza del Mir-Ifor (Movimento internazionale della riconciliazione). Prevede gli interventi del professor Marco Mascia del Centro di ateneo per i diritti umani dell’Università di Padova, di don Albino Bizzotto, fondatore dell’associazione Beati i costruttori di pace di Padova, e di Isabella Sala, assessore alla comunità e alle famiglie del Comune di Vicenza.

“Il mondo – ha spegato l’assesore – è rimasto molto colpito dalla foto scattata a Nagasaki nell’agosto del 1945 e distribuita da Papa Francesco ai giornalisti a metà gennaio, in volo verso il Cile. La foto ha fissato un bambino in piedi con il fratello piccolo sulla schiena, morto a causa del bombardamento nucleare, mentre aspetta per il forno crematorio. Il Papa ha descritto questa foto come il frutto della guerra e ha voluto stamparla perché un’immagine commuove più di mille parole. Tutti noi dobbiamo impegnarci  per contrastare il pericolo concreto di un olocausto nucleare”.

L’incontro di domani, giornata nella quale, per altro, ricorre peraltro il 70esimo anniversario della morte di Gandhi, è organizzato nell’ambito della campagna “Italia ripensaci”, la mobilitazione della società civile coordinata da Campagna SenzAtomica e Rete italiana per il disarmo, per convincere il governo a firmare e ratificare il trattato. L’Italia è infatti uno dei Paesi che non hanno votato né ratificato il trattato, al quale si è giunti grazie all’azione della Campagna internazionale abolizioni armi nucleari (Ican), al coordinamento internazionale di 468 organizzazioni per il disarmo in più di cento nazioni.

Il punto centrale del trattato è l’articolo 1, che vieta agli Stati che vi aderiscono di sviluppare, testare, produrre, acquisire qualsiasi dispositivo nucleare esplosivo; di trasferirli o di riceverli e di consentirne lo schieramento, vietando quindi esplicitamente il “nuclear sharing” (condivisione nucleare). Il trattato, infine, vieta non solo l’uso delle armi nucleari, ma anche la minaccia, negando quindi la legittimità della deterrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *