Breaking News

Pizzicato dalle Fiamme Gialle con 8,5 kg di marijuana

Vicenza – Manette ai polsi con l’accusa di spaccio di stupefacenti per un cittadino nigeriano, trovato in possesso di otto chili e mezzo di marijuana. Gliele hanno messe, con l’aiuto del cane antidroga Zack, gli uomini della Guardia di Finanza di Vicenza che nell’ambito del dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti, avevano fermato, all’uscita del casello di Vicenza Ovest, un pullman di una compagnia low cost proveniente da Roma e diretto a Milano.

Durante le fasi operative del controllo l’attenzione della pattuglia in servizio si è orientata verso questo giovane di origine africana, O.S., di 25 anni, che ha dato segni di nervosismo all’invito, rivolto a tutti i passeggeri del pulmann, di recuperare ciascuno le proprie valigie dal bagagliaio. Il nigeriano è poi sceso dal pulmann a mani vuote, spiegando ai militari di viaggiare senza bagagli al seguito. Nel bagagliaio dell’autobus rimaneva però, non ritirato da nessuno dei passeggeri, un unico borsone, e la cosa non poteva non destare sospetti.

E’ stato così ispezionato il borsone e assieme ad alcuni capi di vestiario sono stati trovati otto involucri di cellophane contenenti marijuana, per un peso complessivo di 8,5 chilogrammi. Inoltre l’attenzione del cane antidroga Zack era inequivocabilmente rivolta al giovane nigeriano, come avviene quando una persona è in possesso o è entrato in contatto con sostanze stupefacenti. A quel punto, sia il borsone con la marijuana che il sospettato sono stati portati presso la caserma delle fiamme gialle di Vicenza, per approfondimenti e per l’identificazione del passeggero.

Il successivo accurato esame del borsone e la perquisizione condotta nei confronti del sospettato hanno consentito ai finanzieri di acquisire circostanziati elementi circa l’attribuibilità del borsone contenente la marijuana al passeggero nigeriano, in particolare, grazie ad un ciondolo portachiavi della medesima fattura e marchio del borsone. Al 25enne corriere non è rimasto altro che ammettere le proprie responsabilità ed è stato così arrestato per spaccio di stupefacenti e condotto nel carcere San Pio X di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *