Breaking News

Morire in ospedale, ispezione regionale a Bassano

Bassano del Grappa – “Il presidente della Regione del Veneto ha incaricato il direttore generale della sanità veneta Domenico Mantoan di attivare un’ispezione a seguito del decesso di un paziente di 70 anni avvenuto all’ospedale San Bassiano di Bassano. Gli ispettori della Regione avranno il compito di verificare approfonditamente la vicenda specifica e di compiere valutazioni sull’attività complessiva del reparto di gastroenterologia. Gli esiti dell’ispezione, che mira a fare la massima chiarezza in totale trasparenza, saranno messi a disposizione della magistratura, che ha aperto un’inchiesta”.

E’ il laconico comunicato stampa diffuso oggi dall’amministrazione regionale veneta, dopo le notizie di questi giorni riguardanti alcuni decessi negli ospedali del vicentino, soprattutto di anziani. E’ stato il Giornale di Vicenza a darne conto più volte nelle ultime ore, in particolare per quanto riguarda il caso di Bassano, di cui si parla nella nota regionale, ma il quotidiano ha riferito anche di altri casi a Vicenza. Una sistema sanitario dunque, quello veneto, di eccellenza ma nel quale si apre qua è là qualche falla?

L’episodio di cui il Giornale di Vicenza riferisce, e sul quale la Regione ha acceso ora i riflettori, riguarda la morte del settantenne Domenico Zarpellon, ingegnere in pensione deceduto al San Bassiano dopo un lungo ricovero. Secondo il quotidiano vicentino, il pensionato il 7 dicembre scorso era stato ricoverato per un malessere in gastroenterologia ma, dopo alcune settimane,  la situazione si è aggravata. Trasferito in terapia intensiva, sono emerse perforazioni nell’intestino e problemi ad un polmone che hanno portato, il 5 gennaio, l’uomo al decesso. Non è chiaro cosa sia successo, e per questo è stata disposta l’autopsia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *