Breaking News

Fondo immobiliare, Zaltron: “Doveroso bloccarlo”

Vicenza – “L’operazione contribuisce ad  irrigidire la situazione di parte corrente del bilancio comunale, come dettagliatamente evidenziato dall’allegato A, e conseguentemente può rendere più  complesso il mantenimento degli equilibri di bilancio degli anni futuri, anche in relazione alla diminuzione del patrimonio disponibile ai sensi dell’art 193 comma 3 del D. Lgs 267/2000”. Questa è  la nota conclusiva, del ragioniere capo del Comune di Vicenza, sul parere alla proposta di deliberazione del 19 dicembre scorso “Promozione di un Fondo immobiliare ai sensi del comma 2 dell’art 33 del D L 98/2011”.

Liliana Zaltron
Liliana Zaltron

Già solo questa nota avrebbe dovuto trovare tutti, sindaco, assessori e consiglieri, concordi nel bocciare questa operazione. E invece non è stato così. Alcuni consiglieri di maggioranza si sono detti comunque favorevoli. Anche l’assessore Cavalieri, che ad ogni presentazione di bilancio decanta la bravura dell’amministrazione per essere riuscita a mantenere gli equilibri di bilancio, in questo caso ha dimostrato di non interessarsene molto.

Alcuni la vedono come “un’occasione persa”. Un’operazione che impatta fortemente sul bilancio del Comune, con effetti a medio e lungo termine difficili da stimare in relazione al numero di variabili da valutare, e che può rendere più  complesso il mantenimento degli equilibri del bilancio stesso (squilibrio che dovrebbe trovare copertura finanziaria tramite riduzioni di spese correnti o maggiori entrate correnti) non può essere considerata “un’occasione persa”.

E’doveroso, da parte di chi ha a cuore le sorti della città, bloccare un’ operazione che parte con questi presupposti. Altre sono le proposte che dovranno essere messe in campo per portare sul nostro territorio le risorse necessarie per interventi di questo genere e per  rimettere in moto l’economia, operazioni che però non mettano a rischio in alcun modo gli equilibri di bilancio.

Liliana Zaltron – Movimento 5 Stelle Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *