La festa di Natale del 2016 all’Albergo Cittadino di Vicenza
La festa di Natale del 2016 all’Albergo Cittadino di Vicenza

Vicenza, Festa di Natale all’Albergo Cittadino

Vicenza – Festa di Natale, a Vicenza, per i meno fortunati. Si terrà infatti all’Albergo Cittadino, mercoledì 20 dicembre dalle 20.30 alle 22, e sarà aperta a tutti, per un momento lieto e solidale insieme alle persone senza dimora accolte nella struttura. L’iniziativa è organizzata da Cosep, cooperativa sociale che dal 2010 gestisce per conto del Comune di Vicenza le strutture adibite all’accoglienza delle persone che si trovano in situazione di marginalità sociale, in collaborazione con l’assessorato alla comunità e alle famiglie.

Isabella Sala
Isabella Sala

All’evento parteciperanno anche tanti volontari, che animeranno la serata con musica, una tombola con premi e uno spettacolo di giocoleria. Per l’occasione saranno esposti anche alcuni oggetti creati nei laboratori di “Restart”, un progetto che coinvolge persone senza dimora o con difficoltà economiche e relazionali, gestito da Cosep in via Cederle 8, a Vicenza, patrocinato dall’amministrazione comunale e finanziato con il contributo della Fondazione Cariverona.

“Festeggiare l’arrivo del Natale all’albergo cittadino – ha ricordato l’assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala – è un modo per sentirsi parte di una comunità in cui le persone sanno condividere le fatiche e le gioie della vita. Ogni anno è un momento di amicizia vera in cui si condividono musica, dolci, la classica tombola e il desiderio di serenità che è di tutti. Invito tutti i cittadini a partecipare al momento di festa, e colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone delle associazioni di volontariato e del privato sociale che, insieme all’amministrazione comunale, con l’unità di strada e le forme di prima e seconda accoglienza, hanno consentito alle persone senza dimora di usufruire di servizi e vicinanza”.

“Ciò che mi rende particolarmente fiduciosa – ha  aggiunto l’assessore – è sapere che, all’interno del percorso di riprogettazione del sociale Insieme si può, il progetto Alla rotonda prosegue nell’attività di rete e che grazie al bando periferie avremo nei prossimi tre anni fondi importanti per costruire progetti individualizzati per le persone senza dimora. E’ una sfida molto grande perché, più la vita mette alla prova, maggiore diventa la difficoltà di trovare energie e fiducia in se stessi e nella comunità. Per questo ogni occasione di incontro, di conoscenza reciproca, di iniezione di speranza è importante e preziosa e va colta e divulgata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *