Breaking News

Vicenza e la Tav, M5S: “Un copione già scritto”

Vicenza – Si è conclusa, con il consiglio comunale del 14 dicembre, l’approvazione finale del progetto preliminare della Tav a Vicenza. Il Movimento Cinque Stelle ribadisce con forza la contrarietà all’opera, che contrasta palesemente con il vero interesse dei cittadini, che deve essere sempre al primo posto. E’ doveroso ringraziare i cittadini, le associazioni, i comitati No Tav e i difensori dei beni comuni, di ogni appartenenza politica, che hanno partecipato alla manifestazione di protesta in Piazza dei Signori e che, per mesi, si sono ritrovati nei quartieri per approfondire questo progetto devastante.

Copione già scritto, quello della Tav, voluto del sindaco Variati e non condiviso con la città, progetto voluto con forza da chi vuole speculare e cementificare. Nel progetto preliminare approvato non c’è nulla che vada in direzione del bene della città, per esaltare i valori dei beni comuni, per prospettare migliore qualità della vita dei vicentini. Una proposta che mette a soqquadro una città rendendola più trafficata con opere inutili e costose che servono solo ad arricchire i soliti noti.

Variati ha proseguito imperterrito per la sua strada, volendo ad ogni costo lasciare un segno del suo passaggio amministrativo. Non c’era modo peggiore! Per cosà sarà ricordato Variati dopo dieci anni di governo della città? Per la salvaguardia del territorio? Per progetti di ampia scala per il migliorare la qualità dell’aria a Vicenza? Per aver saputo costruire un progetto culturale diffuso nel territorio vicentino? Per aver creato le basi progettuali per una mobilità sostenibile? Per aver migliorato le condizioni di vita di famiglie nella soglia di povertà? Nulla di tutto questo.

Ma l’ultima parola sulla vicenda Tav non è ancora detta. Il Movimento Cinque Stelle rimane in attesa dell’esito delle prossime scadenze elettorali: se sarà vincente, saranno cancellate immediatamente la Tav come anche altre dodici opere inutili per Vicenza e per il resto d’Italia. Nel frattempo, solleciteremo la Corte dei Conti, che già si è espressa sul tratto veronese, per un’accurata valutazione di costi e benefici.nI soldi dei cittadini devono essere usati per le vere priorità del paese, che di sicuro, in questo momento, non è l’alta velocità.

Daniele Ferrarin – Portavoce, consigliere comunale Movimento 5 Stelle Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *