Il materiale sequestrato ieri sera dai carabinieri di Valdagno
Il materiale sequestrato ieri sera dai carabinieri di Valdagno

Cocaina in auto e doppietta in casa. 28enne in manette

Valdagno – Rimane sempre alta l’attenzione dei carabinieri nel contrasto alla diffusione di droga sul territorio. L’ultima operazione in proposito risale a ieri sera, quando i militari della compagnia di Valdagno hanno arrestato Fiorenzo Milo, un ragazzo di 28 anni originario della provincia di Napoli ma da anni residente nella vallata dell’Agno, perché accusato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, in particolare cocaina. A suo carico è stata anche mossa una accusa per illecita detenzione di una doppietta di fabbricazione artigianale e di circa 120 munizioni.

Per quanto riguarda i dettagli dell’operazione, già da qualche tempo gli uomini dell’arma tenevano d’occhio i movimenti del ragazzo, in particolare dopo aver raccolto alcune testimonianze di alcuni compratori, che avrebbero indicato il 28enne quale loro punto di riferimento per l’acquisto di cocaina. Le cessioni sarebbero avvenute anche in un locale pubblico, ad Arzignano, del quale Milo è in parte gestore.

Ieri sera, quando i carabinieri, impegnati in un appostamento, hanno notato che, contrariamente a quanto faceva di solito, il giovane si stava spostando in auto lungo strade secondarie e poco trafficate, hanno deciso di fermarlo e di eseguire un controllo. Nell’auto, sotto il sedile del passeggero, i militari hanno scovato un involucro contenente circa 10,5 grammi di cocaina, ancora in sasso, e vari ritagli di cellophane adatti al confezionamento delle dosi. Ulteriori perquisizioni, in casa e nel locale, hanno consentito di rinvenire un bilancino di precisione, la doppietta e le cartucce (un centinaio da caccia e una ventina calibro 38 special).

Il 28enne è stato quindi arrestato e posto agli arresti domiciliari. Questa mattina, al termine dell’udienza di convalida, il giudice ha condannato il giovane ad un anno e due mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 2.400 euro, con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *