Breaking News

Thiene, ecco il bilancio 2018. Opere per sei milioni

Thiene – Sarà sottoposto all’esame e all’approvazione del consiglio comunale, nella seduta di giovedì 21 dicembre, il documento programmatico finanziario del Comune di Thiene, ovvero il bilancio di previsione per l’anno 2018, importante strumento che contiene le linee guida delle scelte e dell’azione amministrativa per il prossimo anno. Nella proposta elaborata dalla giunta thienese si prevede innanzitutto che, nel 2018, non vi saranno aumenti nelle imposte locali. Anche la Tari, la tassa sui rifiuti, resterà stabile.

“Non ci sono aggravi per i cittadini – rileva l’assessore Alberto Samperi – e questo grazie alla sostanziale stabilità del quadro finanziario di riferimento e dell’equilibrio economico dei conti comunali, e grazie al lavoro svolto negli anni passati, nel corso del primo primo mandato dall’Amministrazione Casarotto”. Se le spese di parte corrente ricalcano, infatti, nel complesso, quelle attuali, nello specifico emergono diverse positività che attestano la possibilità di dare impulso ad alcuni settori con maggiori investimenti. Un cambio di rotta rispetto agli anni passati in cui è stata compiuta un’opera di risparmio e contenimento delle spese per rendere possibile il mantenimento dei servizi e della loro qualità, pur con risorse ridotte rispetto al passato.

“Siamo riusciti ad aumentare lo stanziamento di alcuni capitoli di spesa relativi a tematiche che ci stanno particolarmente a cuore – ha aggiunto Samperi – con aumenti di somme destinate ad incrementare risorse sul fronte del servizio raccolta rifiuti, sicurezza, manutenzione del verde pubblico, sociale, cultura, istruzione e biblioteca”. Nel dettaglio il Bilancio 2018 prevede 80 mila euro di maggiori somme a disposizione per il miglioramento del servizio di raccolta dei rifiuti, di cui 56 mila derivanti dai proventi della raccolta differenziata che negli ultimi anni sono aumentati grazie alla maggiore qualità del differenziato, e 39 mila euro in più per la cura e la manutenzione del verde pubblico.

Il budget a disposizione per il sociale aumenta invece di 30 mila euro, così come di 30 mila euro aumenta quello per la sicurezza e di altri 20 mila quello per la pubblica istruzione, destinato alle scuole primarie. Le scuole materne godranno di maggiori risorse ed anche la biblioteca potrà contare su investimenti accresciuti. Per ottenere queste cifre sono stati operati risparmi di una certa consistenza nella gestione della struttura comunale. Per quanto riguarda il bilancio degli investimenti, l’attenzione è puntata sul migliore utilizzo delle risorse a disposizione. Inoltre, con la riforma del Patto di stabilità avviata l’anno scorso e con la vendita di Pasubio Group si sono aperte nuove possibilità.

Il programma di conto capitale è particolarmente ricco nel prossimo triennio. Complessivamente gli interventi previsti nel Piano delle opere pubbliche per il 2018 ammontano ad oltre sei milioni e mezzo di euro e nel triennio si raggiungono i 12,3 milioni di euro. Se le prime opere cantierabili saranno le manutenzioni stradali, per tutte le altre i mesi del 2018 saranno impiegati per espletare le procedure di gara. Nel 2018 le spese più rilevanti saranno l’acquisto dalla Provincia dell’immobile delle scuole medie Ferrarin, per un importo di oltre due milioni di euro, e la messa in cantiere della nuova palestra di via San Gaetano, per un costo complessivo di 4 milioni e 350mila euro.

Gli altri interventi riguarderanno il recupero del piano terra di Palazzo Cornaggia, il ricavo di un ulteriore alloggio ed il consolidamento statico all’edificio “Ex Amatori Maria”, il nuovo archivio comunale, la manutenzione straordinaria di fabbricati comunali, i lavori per gli spogliatoi alle palestre Vianelle, il nuovo parcheggio antistante le scuole di Rozzampia, la riqualificazione del Parco del Bersagliere e le piste ciclabili. “Non posso che essere soddisfatto – ha commentato Andrea Zorzan, assessore ai lavori pubblici, ambiente e servizi sociali – per un bilancio che vede un incremento sia sui capitoli del sociale che del verde pubblico, ambiti che sono sempre molto cari ai cittadini”.

“Dal punto di vista economico finanziario – ha infine osservato il sindaco, Giovanni Casarotto – abbiamo la possibilità di effettuare un cambio di passo, progettando e realizzando anche grandi opere, mentre nello scorso mandato siamo stati costretti a lavorare principalmente sulla messa in sicurezza del bilancio e alle indispensabili manutenzioni del patrimonio comunale, senza avere la possibilità di realizzare interventi di grande respiro e di ampia visibilità. Nei prossimi anni potremo continuare a dedicarci ad interventi significativi per la città, come la ristrutturazione dell’Istituto Musicale, il recupero completo di Palazzo Cornaggia e investimenti per il miglioramento delle strutture sportive”. Non rientra invece nel Piano delle opere pubbliche, anche se lo è agli effetti pratici, la sistemazione dell’area adiacente alla stazione ferroviaria che, per la sua centralità, riveste particolare importanza e rappresenta comunque un’opera molto utile per Thiene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *