Breaking News
Per la gara con Cagliari, coach Chimenti dovrà ancora fare a meno di Francesca Santarelli
Per la gara con Cagliari, coach Chimenti dovrà ancora fare a meno di Francesca Santarelli

Basket, la VelcoFin Vicenza in casa con Cagliari

Vicenza – Mancano cinque gare alla conclusione del girone di andata del campionato di serie A2 di basket femminile e per la VelcoFin Vicenza si tratta di appuntamenti davvero importanti in vista delle qualificazioni alle Final Eight di Coppa Italia. Il primo ostacolo che le biancorosse dovranno superare per cercare di assicurarsi uno dei quattro posti disponibili (quattro per ciascuno dei due gironi della A2), è costituito dal Cus Cagliari.

E sarà il PalaGoldoni ad ospitare domani, domenica 10 dicembre, alle 17, il confronto, valido per l’undicesima giornata, tra le padrone di casa, ancora orfane di Francesca Santarelli e attualmente quarte in classifica, e le cagliaritane, nelle cui fila milita l’ex biancorossa Eugenia Caldaro, che con 4 punti occupano la tredicesima posizione in graduatoria.

La formazione sarda, allenata da Federico Xaxa, sta attraversando un periodo assai complicato a causa delle assenze per infortunio di Elena Borsetto, ai box dopo la frattura alla mano destra rimediata alla terza giornata con Pordenone, e di Chiara Rossi, indisponibile nelle ultime tre partite a causa di un tendine d’Achille in continua sofferenza. Entrambe, però, sembrano aver superato la fase critica e, ripresa la preparazione potrebbero anche guadagnare campo, seppur solo per pochi minuti, nella sfida vicentina. L’assenza delle ex Villafranca e Virtus non ha comunque impedito a Caldaro e compagne di violare il parquet di Albino e inanellare la seconda vittoria in stagione (54-67) dopo quella con Marghera (57-52), nella seconda giornata.

Sempre presente e nello starting five in tutte e dieci le gare sin qui disputate, Caldaro è la certezza sulla quale fanno affidamento tanto le giocatrici quanto lo staff tecnico del Cus, responsabilizzando l’atleta vicentina al punto tale da farne la migliore realizzatrice del team (113 punti in 342 minuti giocati). La play-guardia cussina Rachele Niola e Natasa Tomasovic, centro bosniaco dell’Orlovi Banja Luka, sono gli altri due punti fermi di un quintetto che può aggiungere centimetri e peso nel pitturato grazie all’esperta Giulia Ridolfi e trovare in Gaetani e Sorrentino alternative preziose per le acciaccate play e guardia titolari.

Eccezion fatta per Santarelli, ancora bloccata dalla sub-lussazione alla spalla sinistra, la VelcoFin arriverà all’appuntamento di domani dopo una proficua settimana in palestra, in buone condizioni fisiche e con un concentrato di autostima in saccoccia: insomma, con tutto quanto serve per iniziare la miniserie nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *