Autonomia del Veneto, si è parlato di ambiente

Venezia – Prosegue il negoziato che la Regione Veneto ha avviato con il governo con l’obiettivo di ottenere maggiori forme di autonomia. A questo proposito, ieri al Ministero degli affari regionali, a Roma, si è tenuto un tavolo tecnico sul tema dell’ambiente. In particolare è stato posto l’accento sulle tematiche degli scarichi, dei rifiuti e della frammentazione delle competenze nella laguna di Venezia e la Valutazione di impatto ambientale.

“Il Ministero dell’ambiente – riassume una nota della giunta regionale -, pur riservandosi ulteriori approfondimenti, ha comunque evidenziato una disponibilità sulle proposte regionali, anticipando già alcune osservazioni e indicazioni sul percorso da seguire, sia con riferimento all’assegnazione di ulteriori funzioni amministrative da parte dello Stato alla Regione sia con riferimento a una eventuale competenza legislativa”.

Nel corso dell’incontro sono state illustrate le ipotesi di autonomia in materia ambientale contenute nel testo normativo della legge regionale 43, specificando, per ogni articolo, i contenuti e le richieste che intende avanzare. Ed è stato proprio il livello di dettaglio di alcuni articoli a dare lo spunto al Ministero per suggerire alla Regione di puntare ad una “graduazione delle competenze e relative funzioni amministrative che si intendono acquisire dallo Stato in specifici settori”.

“Infine – ha poi concluso la nota -, per quanto riguarda l’esigenza di un adeguato e sollecito supporto nell’attuazione delle norme statali settoriali, sembra essere emersa una interessante possibilità di vedersi riconosciuta una potestà di iniziativa regionale sul potere regolamentare di fonte ministeriale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *