Breaking News

Vicenza, Bando periferie. Via al primo intervento

Vicenza – Si concluderanno entro fine anno, a Vicenza, i lavori per la sistemazione idraulica di via Odorico da Pordenone e strada dei Molini. L’intervento, a cura della ditta New Viedil di Codevigo (Padova), ha l’obiettivo di ridurre le criticità idrauliche della zona artigianale denominata Tubettificio, compresa tra strada Marosticana e strada dei Molini, in località Laghetto, un’area spesso soggetta a esondazione da parte del fiume Astichello. I lavori dovrebbero risolvere il problema dell’allagamento del magazzino delle Poste italiane, oltre che delle abitazioni della zona.

L’intervento, presentato questa mattina dagli assessori Cristina Balbi e Antonio Dalla Pozza, rientra nell’ambito del progetto Liberare energie urbane (Bando periferie), al quale Vicenza ha partecipato classificandosi quarto tra 113 Comuni capoluogo d’Italia e aggiudicandosi un finanziamento complessivo di quasi 18 milioni di euro, quale contributo finanziario a valere sulle risorse del fondo per l’attuazione del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie approvato con un decreto del presidente del Consiglio dei ministri il 25 maggio 2016.

Per questo progetto, al Comune di Vicenza è stato assegnato un contributo di 400 mila euro. Nello specifico, verranno realizzati interventi sulla rete di smaltimento delle acque meteoriche dell’area artigianale Tubettificio, che al momento scarica nell’Astichello, attraverso la ricalibratura, l’intercettazione e la deviazione dello scolo. Inoltre, verrà realizzato un impianto di sollevamento per far defluire l’acqua in pressione sul fiume Astichello. I lavori consentiranno di eliminare le residue criticità strutturali dell’area.

“Questa zona – ha spiegato l’assessore alla cura urbana Cristina Balbi –  ha subito pesanti esondazionei nel 2010 e ha rischiato nel 2012. I lavori costituiscono un altro tassello per la sicurezza idraulica della città, secondo il piano generale di interventi che, pezzo per pezzo, stiamo andando a realizzare. Attualmente sono in corso lavori per la messa in sicurezza idraulica a Campedello, e a breve partirà un cantiere in zona ospedale, in stradella Sansigoli e via Cappellari. In passato ce ne sono stati vicino al ponte Pusterla, in zona stradella dei Munari e contra’ Chioare, intorno all’asta del Bacchiglione sia in destra che in sinistra, e, quindi, in zona piscine, vicino a via Allegri e verso le laterali di viale Trento. Altri interventi sono in progetto in via Forlanini, sempre a completamento di opere previste nella zona di viale Diaz a cura del Genio civile”.

“Sono soddisfatto – ha aggiunto l’assessore alla progettazione Antonio Marco Dalla Pozza – in quanto si tratta del primo intervento del Bando periferie che prende il via, nel pieno rispetto del crono programma inviato alla presidenza del Consiglio dei ministri. Attualmente i progetti sono in corso di invio alla stazione unica appaltante, in fase di gara o alla vigilia dell’assegnazione definitiva. Contiamo che tutti possano partire entro la primavera del prossimo anno e in questo modo cambiare il volto della città, a cominciare da questo intervento che migliorerà la sicurezza idraulica della zona, ricucendola con il resto della città. Proprio questo è l’obiettivo del Bando periferie, che porterà a Vicenza ingenti risorse, senza consumare nuovo suolo e restituendo alla città aree da tempo dismesse e spesso degradate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *