Vicenza, presentato il programma di Teatri ViVi

Vicenza – Presentate oggi a Vicenza le novità nella programmazione della rete Teatri Vi.Vi., una realtà ormai consolidata che mette assieme i teatri dei principali centri della provincia, a partire, naturalmente, dal capoluogo. Sono otto i teatri che aderiscono e inseriscono parte della loro programmazione in un cartellone comune, dando la possibilità agli spettatori di fare un unico abbonamento per i principali palcoscenici del vicentino. Oltre a Vicenza, con il suo Teatro Comunale, troviamo Thiene, Bassano del Grappa, Schio, Arzignano, Montecchio Maggiore, Lonigo e Noventa.

Liliana Cucinotta
Liliana Cucinotta

“Questo consente – è stato detto durante la presentazione, al Comunale -, una programmazione capillare e molto connotata. Per il teatro di prosa e la danza, lo spettatore ha la possibilità di scegliere tra le proposte di un cartellone diffuso su tutto il territorio, che privilegia la qualità dell’offerta artistica, e così Vicenza e la sua provincia diventano un’unica grande sala con oltre 125 mila spettatori, un polo di attrazione per lo spettacolo dal vivo, che cerca di dare risposte concrete alle esigenze dei suoi utenti”.

All’incontro di presentazione delle proposte della rete sono intervenuti il presidente della fondazione Teatro Comunale di Vicenz,a Roberto Ditri, il vicesindaco e assessore alla crescita del Comune di Vicenza, Jacopo Bulgarini d’Elci, per il Comune di Arzignano Carlo Alberto Piccoli di Theama Teatro, l’assessore alla promozione del Comune di Bassano Giovanni Cunico, l’assessore alla cultura del Comune di Lonigo Ivana Martelletto, il codirettore artistico del Teatro Civico di Schio Federico Corona, l’assessore alla cultura del Comune di Thiene Maria Gabriella Strinati, il consigliere comunale con delega agli spettacoli del Comune di Montecchio Maggiore Igor Nori, il vice segretario generale del Comune di Noventa Vicentina Cristina Zanaica, il direttore di Arteven Pierluca Donin, il consigliere di amministrazione del Teatro Stabile del Veneto Annalisa Carrara e la responsabile del settore Turismo della Camera di Commercio di Vicenza, Liliana Cucinotta.

L’obiettivo dell’incontro è stato quello di presentare le novità della programmazione coordinata per la stagione che è appena iniziata e ribadire l’importanza della rete Teatri Vi.Vi., che orma è al suo sesto anno di attività. E’ stata infatti fondata nel 2012, mettendo assieme il Teatro Comunale di Vicenza, il Teatro Olimpico, il Teatro Remondini di Bassano, il Teatro Comunale di Lonigo, il Teatro Civico di Schio, il Teatro Comunale di Thiene e il Teatro Mattarello del Comune di Arzignano. Sono poi entrati nella rete, l’anno scorso il Comune con il suo storico Teatro Sant’Antonio di Montecchio Maggiore e il Teatro Modernissimo Noventa Vicentina. La rete si avvale stabilmente della partecipazione dei Circuiti Regionali Arteven, associazione per la promozione e la diffusione del teatro nelle città, e del Teatro Stabile del Veneto.

Strumento di collegamento reale tra le proposte dei cartelloni (oltre 100 i titoli di prosa, danza, cabaret, operetta, musical in programma), in un arco temporale che si sviluppa da novembre 2017 a giugno 2018, è l’abbonamento mobile, un abbonamento “itinerante” che la rete Teatri Vi.Vi. propone al suo pubblico. Con 30 euro gli spettatori possono crearsi un abbonamento personalizzato, composto di 3 spettacoli in teatri diversi scegliendo i titoli tra i 24 messi a disposizione. Gli abbonamenti saranno in vendita da venerdì primo dicembre alla biglietteria del Teatro Comunale di Vicenza e online, sul sito www.tcvi.it.

Da segnalare infine che i numeri della Rete sono sempre più importanti e rappresentano un capitale sociale, umano, artistico e culturale di tutto rilievo: otto teatri più il teatro per eccellenza, il Teatro Olimpico, teatro coperto più antico del mondo; due festival, con il Ciclo di spettacoli classici del Teatro Olimpico e OperaEstate Festival; un pubblico diffuso di oltre 125 mila persone (tra abbonati e spettatori), un valore economico generato dagli incassi superiore ad un milione di euro. Quest’anno tra l’altro ha contribuito anche la Camera di commercio di Vicenza, stanziando a favore delle attività teatrali nella provincia la somma di 85 mila euro. Con la rappresentante della Camera di commercio, Liliana Cucinotta, abbiamo anche scambiato due battute al termine dell’incontro. Ne proponiamo la registrazione in audio nel lettore in alto nella pagina, sopra la foto di apertura. Cliccare sul simbolo play per ascoltare. Per altre informazioni e per aggiornamenti: www.teatrivivi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *