Breaking News

Vicenza, inaugurato il mercato di Campagna Amica

Vicenza – Oltre tremila vicentini hanno preso parte oggi alla prima ufficiale del mercato coperto di Campagna Amica, a Vicenza, in via Cordenons 4, davanti al Liceo Pigafetta. Promosso da Coldiretti, il mercato, il terzo in Veneto dopo Rovigo e Treviso, sarà aperto ogni sabato, dalle 9 alle 18, sino al 31 gennaio, poi anche la domenica. “È stato un successo oltre ogni aspettativa – commentano il presidente provinciale e regionale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, e il direttore Roberto Palù – anche perché le condizioni atmosferiche non hanno favorito le operazioni di allestimento e neppure la partecipazione di questa mattina. Nonostante tutto i vicentini sono arrivati numerosi per condividere assieme a Coldiretti questo successo. E l’hanno fatto comprendendo a pieno che il mercato è dedicato proprio a loro: uno spazio coperto, ma aperto ad iniziative e collaborazioni per la crescita della città”.

Quella della maggiore organizzazione agricola è stata una sfida, sostenuta anche da Unicredit e Camera di Commercio di Vicenza, come ha evidenziato al taglio del nastro anche il presidente della provincia e sindaco di Vicenza, Achille Variati. “Con questo progetto -ha detto -, che non possiamo non incentivare e sostenere, Coldiretti è riuscita a dar luce ad un luogo scuro della città”. Un concetto condiviso anche dall’assessore regionale Elena Donazzan che ha definito Coldiretti  “un passo avanti, come sempre, interpretando al meglio ciò che i cittadini chiedono e facendo convivere tradizioni ed innovazione”.

Al taglio del nastro, svoltosi all’interno di un mercato di Campagna Amica, testimonial è stato Moreno Morello, di Striscia la notizia, che si è intrattenuto con produttori e cittadini, non mancando di sottolineare il proprio impegno per la lotta alla contraffazione a danno del made in Italy. Mentre il drone sorvolava l’area di Piazza San Lorenzo, dove Coldiretti aveva allestito un’area coperta che ha ospitato i laboratori di cucina creativa per bambini e ragazzi con Il Mondo di Bu, hanno sfidato il tempo con una mini sfilata gli sbandieratori di Marostica.

Nell’area coperta c’erano invece le sculture di Alberto Tomasi, i laboratori sul mondo delle api curati dalla fattoria didattica Malgasiago e, grazie alla collaborazione con Confartigianato Vicenza, Wusche, gli scultori di Foza. Davanti al liceo Pigafetta, un’altra area coperta con le schifezze alimentari scovate da Coldiretti ed il corner di Radio Vicenza, che ha seguito in diretta l’evento. A riempire di colore ha contribuito anche il Doctor Clown, che da Corso Palladio ha invitato i cittadini a raggiungere San Lorenzo, mentre personale Coldiretti ha offerto a tutti una mela, simbolo di salute e benessere.

“Abbiamo voluto lanciare un forte messaggio di sostenibilità ed educazione ambientale – ha infine commentato il presidente di Coldiretti Vicenza – in quanto dobbiamo prenderci cura della nostra città ed amarla. Analogamente dobbiamo essere sempre più consapevoli del valore che ha la nostra terra ed acquisire una maggiore consapevolezza quando andiamo a fare la spesa. Serve cultura in questo senso, perché le dinamiche commerciali sono raffinate e spesso poco trasparenti. Per questo Coldiretti vuole offrire al consumatore la possibilità di scegliere senza intermediari e con un occhio di riguardo alla salute, al territorio ed alle tradizioni”.

Tra gli intervenuti anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che ha posto l’accento sul valore identitario dei mercati Coldiretti. “Sono la giusta vetrina per i prodotti della nostra terra – ha detto il governatore -, che contribuiscono in modo determinante alla valorizzazione complessiva del territorio”.  Negli oltre 300 metri quadrati di mercato coperto sarà possibile acquistare qualunque prodotto enogastronomico del territorio. Inoltre sarà presto possibile fare la spesa anche online, attraverso i siti www.mercatovicenza.it o www.agrimercatovicenza.it, che attualmente sono una vetrina per conoscere i produttori impegnati nel progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *