La solidarietà dei tifosi biancorossi a Luca Fanesi (Foto tratta dalla pagina Facebook della Curva Sud)
La solidarietà dei tifosi biancorossi a Luca Fanesi (Foto tratta dalla pagina Facebook della Curva Sud)

Tifoso della Samb ferito, si cerca la verità

Vicenza – C’è un fascicolo aperto dalla procura di Vicenza, e una buona dose di sconcerto in molti vicentini, nella vicenda che ha riguardato i disordini che si sono verificati in città, il 5 novembre scorso, dopo la partita di calcio tra Vicenza e Sambenedettese. Sembra che, in quella occasione, siano stati gli ultras di quest’ultima ad aprire lo scontro con i tifosi biancorossi, mentre quello che è certo è che è intervenuta ben presto anche la polizia e, nei tafferugli, è rimasto ferito gravemente un ultrà della squadra marchigiana, Luca Fanesi, di 44 anni.

Ricoverato, in coma, all’ospedale San Bortolo di Vicenza, nel reparto di rianimazione, Fanesi ha riportato alcune fratture al cranio ed ematomi cerebrali. Sembra che oggi abbia riaperto gli occhi e reagisca agli stimoli, quantomeno perché è stata ridotta la dose di sedativi e di conseguenza il coma farmacologico. La vicenda, naturalmente, ha destato sconcerto, per l’assurdità del fatto che una persona possa rischiare la vita in questo modo. Ma ha anche diviso l’opinione pubblica, soprattutto su come tutto sarebbe avvenuto.

Le versioni sono due: quella ufficiale della questura di Vicenza, secondo la quale Fanesi sarebbe scivolato e cadendo avrebbe battuto la testa contro un cancello, e quella della famiglia del tifoso, che ha presentato invece una denuncia contro ignoti, avanzando dubbi sulla natura delle ferite e non ritenendole accidentali. Ci si chiede insomma se le ferite non siano state invece causate dagli agenti, mentre sedavano i disordini. Non ci sono tuttavia riscontri, né in un senso né nell’altro, niente testimonianze né immagini filmate o altro.

Anche i tifosi vicentini hanno dimostrato la loro solidarietà e vicinanza alla famiglia in più occasioni, ad esempio con lo striscione esposto allo stadio come dalla foto d’apertura in questa pagina. L’augurio di tutti è che Luca Fanesi possa riprendersi presto e completamente, cosa ancora non certa date le sue condizioni ed il rischio di danni cerebrali permanenti che c’è sempre in casi come questo. Ci si augura anche, però, che la magistratura faccia chiarezza, quantomeno perché il permanere del dubbio non sia causa del ripetersi di episodi simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *