Breaking News
Serra Yilmaz in "Grisélidis: memorie di una prostituta”” (Foto di Pino Le Pera)
Serra Yilmaz in "Grisélidis: memorie di una prostituta”” (Foto di Pino Le Pera)

“Griselidis: memorie di una prostituta” a Vicenza

Vicenza – Parte la stagione di prosa prosa al Ridotto al Teatro Comunale di Vicenza, con uno spettacolo fresco di debutto. Si tratta di “Griselidis: memorie di una prostituta”, con Serra Yilmaz, per la regia di Juan Diego Puerta Lopez, che andrà in scena venerdì primo dicembre alle 20.45. Lo spettacolo ha inaugurato, durante la scorsa estate, la 31esima edizione del Todi Festival. La data di Vicenza invece è praticamente la prima tappa della tournée, che toccherà poi il Teatro Parioli di Roma, il Teatro Rifredi di Firenze, e sarà a Milano in febbraio. Ad andare in scena sarà un monologo, tratto da una storia vera, in cui Serra Yilmaz è accompagnata dal sassofono solista di Stefano Cocco Cantini, che firma anche le musiche.

Per quanto riguarda i contenuti, c’è una denuncia sociale molto forte, adatta ad un pubblico adulto e non impressionabile. Lo spettacolo sarà preceduto da un “Incontro a teatro” con Giancarlo Marinelli (in collegamento video con il pubblico) scrittore e regista televisivo e cinematografico, editorialista per il Giornale di Vicenza, che introdurrà i temi e il contesto da cui prende origine il lavoro teatrale. Il testo dello spettacolo, che ha avuto grande successo nei festival e nei teatri francesi, è stato scritto da Coraly Zahonero, attrice della Comédie-Française e tradotto in italiano dalla stessa Serra Yilmaz e da Alberto Bassetti.

Si basa su lettere e romanzi della stessa Grisélidis Real. Racconta in modo crudo e realista la sua storia, quella di una donna combattuta che scelse deliberatamente il lavoro di prostituta. Autrice di diversi libri, pittrice, attivista per i diritti delle prostitute, partecipò anche a dei talk show negli Stati Uniti. Morì di tumore nel 2005 a Ginevra. La storia inizia nel 1929 a Losanna; Griselidis figlia di una famiglia borghese, dopo un’educazione repressiva e una serie di matrimoni sbagliati, va a vivere in Germania dove sceglie la professione più antica del mondo per un moto di ribellione alle costrizioni sociali e familiari.

Griselidis aveva però una sua idea della prostituzione, era lei infatti a decidere con chi fare sesso. Il suo mestiere diventava una specie di servizio sociale, quasi una terapia per clienti-pazienti afflitti da mille tipi di problemi. La sua attività riesce a superare i limiti del marciapiede e, pur non amata dalle femministe, si impegnò in Svizzera, in Germania e in Francia per legalizzare i diritti delle prostitute, in particolare modo perché fossero protette da violenze e malattie. Un problema a tutt’oggi di forte attualità.

Lo spettacolo illustra in modo crudo e realista, l’approccio del cliente con una prostituta, in cui la protagonista unisce l’umiliazione della donna a quella dell’uomo in uno spaccato psicologico e umano di raro verismo. Serra Yilmaz, attrice icona del cinema del regista Ferzan Ozpetek, conosciuta e apprezzata nella scorsa stagione dal pubblico del Comunale, è molto amata a Vicenza. Per lo spettacolo i biglietti sono esauriti da tempo, eventualmente disponibili solo in caso di rinuncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *