Il segretario del Pd Matteo Renzi- Foto di Francesco Pierantoni (CC BY 2.0)
Il segretario del Pd Matteo Renzi - Foto di Francesco Pierantoni (CC BY 2.0)

Renzi a Vicenza. Crack banche convitato di pietra

Vicenza – Sta passando per il Veneto il treno Destinazione Italia di Matteo Renzi, con il quale il segretario del Pd intende entrare in contatto con le persone, lontano dal palazzo. Ed oggi, più nello specifico, il treno renziano è passato per la nostra città ed il suo territorio, un territorio non proprio facile per lui, al di là degli enunciati. Non sono infatti mancate le contestazioni, e sono sopratttto arrivate dai risparmiatori rovinati nel crack della Banca Popolare di Vicenza. Non sembra far molta presa insomma lo slogan che l’ex premia elargisce in questi giorni secondo il quale lui ed il suo governo sono stati dalla parte della gente e non dalla parte dei banchieri…

Lo slogan certo non ha fatto presa sui soci della associazione Noi che credevamo nella BpVi, i quali già ieri annunciavano che nessuna loro delegazione di risparmiatori sarebbe andato ad accoglierlo né a contestarlo. “Non daremo, nel bene o nel male, – si legge nella loro nota –  nuova visibilità ad una figura ormai ininfluente del panorama politico. Ininfluente anche nelle decisioni inerenti le ultime scelte su Banca d’Italia e sugli emendamenti alla Legge di bilancio del suo ex esecutivo”.

“Caro Matteo – continuava l’associazione dei risparmiatori – l’invito che ti abbiamo fatto per un confronto in piazza a Vicenza sul tema banche è sempre valido. Non lo hai ancora accolt caro Matteo… caro perché solo noi sappiamo quanto ci sei costato, tu, le tue scelte e quelle del tuo esecutivo. Caro Matteo, non ci dimenticheremo di te ma non avrai la nostra attenzione. Siamo in una terra di laboriosi risparmiatori e, in tempo di crisi, non sprechiamo tempo o energie”.

Banche a parte, Renzi nella sua tappa vicentina ha visitato oggi un’azienda di Thiene, la Estel, ha incontrato sindacalisti e  lavoratori che protestano contro la minacciata chiiusura della Lovato gas di Vicenza ed ha avuto anche un incontro in stazione con una delegazione del gruppo Mamme no Pafs. Bisogna ammettere che ha affrontato i temi più scottanti del dibattito vicentino e veneto di questi mesi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *