Breaking News
Un'immagine della locandina del film “Noi eravamo”, di Leonardo Tiberi
Un'immagine della locandina del film “Noi eravamo”, di Leonardo Tiberi

4 novembre, ecco le celebrazioni della Vittoria

Vicenza – Inizio di novembre caratterizzato, come sempre, oltre che dalla festività di Ognissanti e dal ricordo dei defunti, anche dalle celebrazioni del 4 novembre, quest’anno 99esimo anniversario della vittoria nella Prima guerra mondiale. Si celebra come sempre la Festa dell’unità nazionale e la Giornata delle forze armate, in tutti i centri della nostra provincia, a cominciare da Vicenza, decorata con due medaglie d’oro al valor militare per il Risorgimento e per la Resistenza e con due croci al merito di guerra 1915-1918.

Per quanto riguarda il capoluogo, l’amministrazione comunale di Vicenza propone un fitto programma di eventi, con iniziative anche nei quartieri, in collaborazione con il Coespu (Centro di eccellenza per le Stability police units dei Carabinieri). Avrà inizio domani, giovedì 2 novembre, alle 10, nella chiesa del Cimitero maggiore, in viale Trieste, dove monsignor Agostino Marchetto, arcivescovo, celebrerà la messa in suffragio dei caduti.

Sabato 4 novembre alle 10.15, messa in suffragio dei Caduti anche al Tempio di San Lorenzo e, a seguire, alle 11, il trasferimento in piazza dei Signori per l’ingresso dei labari e dei gonfaloni non decorati, gli onori alla bandiera del Comune di Vicenza decorata con due medaglie d’oro al valore militare, l’ingresso della massima autorità, l’alzabandiera, la lettura della motivazione della medaglia d’oro concessa al milite ignoto, gli onori ai caduti, la lettura dei messaggi ufficiali e le testimonianze dei ragazzi delle scuole, gli interventi delle autorità e gli onori finali. Sarà presente il sindaco Achille Variati.

Alle 20.30, al Teatro Olimpico, si terranno la cerimonia di consegna ufficiale del nuovo vessillo sezionale all’Associazione nazionale alpini, sezione Monte Pasubio di Vicenza, a cui seguirà il concerto “Il silenzio delle Guerre”, un intimo viaggio tra memorie e suggestioni dell’Orchestra di fiati della Provincia di Vicenza, diretta dal maestro Andrea Loss. Come dicevamo sono previste celebrazioni in molti altri centri della provincia, a cominciare da Bassano del Grappa.

Quanto alla Regione Veneto infine, celebra il 4 novembre presentando, a Treviso, il film “Noi eravamo”, di Leonardo Tiberi, realizzato con il contributo regionale nell’ambito delle commemorazioni del centenario della Grande Guerra. Il film racconta le vicende umane, la passioni ideali e il sacrificio di tanti giovani emigrati italiani che, come il futuro sindaco di New York Fiorello La Guardia, decisero di ritornare nel loro paese per combattere a fianco dei loro coetanei in difesa della patria.

“Duplice – sottolinea una nota di Palazzo Balbi – l’invito al teatro Eden del capoluogo della Marca, in occasione dell’anniversario della fine della Grande Guerra e della Giornata delle Forze Armate: al mattino, alle 10.30, sono invitate le scuole superiori; nel pomeriggio, alle 17, la proiezione è aperta alla cittadinanza, presenti gli assessori regionali alla promozione turistica Federico Caner, alla cultura Cristiano Corazzari, e alla scuola Elena Donazzan, nonché le autorità civili e militari del Veneto”.

“Noi eravamo” è prodotto da Baires Produzioni e Istituto Luce-Cinecittà, con quest’ultima che ha fornito preziosi materiali d’archivio. Con questo film prosegue l’esperienza cominciata con “Fango e Gloria”, rievocazione costruita rivitalizzando materiali di repertorio come parte sostanziale della narrazione cinematografica e facendoli interagire con l’azione del girato. Il cast è composto da Alessandro Tersigni, Yari Gugliucci, Davide Giordano, Beatrice Arnera, Eliana Miglio, Emanuela Grimalda e Roberto Citran. Gran parte delle riprese sono state girate in territorio trevigiano. Entrambe le proiezioni sono ad ingresso libero. Per ragioni organizzative è richiesta la conferma di presenza a questo indirizzo di posta elettronica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *