Il giovane pianista coreano Seong-Jin Cho
Il giovane pianista coreano Seong-Jin Cho

Vicenza, inizia con Chopin la stagione del Quartetto

Vicenza – Inizia domani, giovedì 19 ottobre, la nuova stagione di concerti della Società del Quartetto di Vicenza. L’apertura della stagione, al Teatro Comunale, vede di scena la Kremerata Baltica, una fra le più rinomate orchestre da camera del panorama internazionale che per l’occasione arriva a Vicenza accompagnata dal ventitreenne pianista coreano Seong-Jin Cho. Il programma della serata ha come filo conduttore la Polonia, terra spiccatamente musicale che, fra i tanti personaggi illustri, ha dato i natali anche a Fryderyk Chopin.

“Al grande compositore romantico – spiega una nota della Società del Quartetto – è dedicata gran parte del programma con l’esecuzione dei due Concerti per pianoforte e orchestra, in Mi minore e in Fa minore, composti a neanche vent’anni, poco prima di lasciare il Ducato di Varsavia. Chopin li eseguì personalmente nel 1830, al Teatro Nazionale, in due diverse occasioni, suscitando in entrambi i casi l’esultanza del pubblico. Da allora i Concerti n. 1 e n. 2, che rappresentano un unicum nella letteratura pianistica chopiniana, fanno parte del repertorio di tutti i grandi interpreti, anche se raramente sono proposti in una stessa serata per l’impegno virtuosistico che richiedono al solista”.

Seong-Jin Cho affronta questa sfida a fianco della Kremerata Baltica, forte di una stagione che lo ha incoronato come il fenomeno pianistico del momento. Nato a Seul nel 1994, ha iniziato a studiare con costanza il pianoforte dall’età di 10 anni e, a partire dai 14, ha partecipato con successo a varie competizioni internazionali, fra le quali il Concorso Tchaikovsky (medaglia di bronzo nel 2011) e l’Arthur Rubinstein (terzo posto nel 2014). Ma è l’anno seguente che s’impone all’attenzione del pubblico e della critica specializzata vincendo la diciassettesima edizione del Concorso Chopin di Varsavia, uno dei più selettivi al mondo.

Da allora, e sono passati appena due anni, le più importanti sale da concerto si sono messe in fila per averlo in cartellone, sia in recital che con prestigiose orchestre. Dopo l’esordio discografico del 2015, nel 2016 Seong-Jin Cho ha firmato un contratto in esclusiva con l’etichetta Deutsche Grammophon per la quale ha già inciso un doppio cd dedicato a Chopin e una raccolta di lavori per pianoforte di Debussy, che sarà lanciata a novembre. Il concerto di domani sera è completato da due brani orchestrali nei quali la Kremerata Baltica avrà modo di esaltare il suono che l’ha resa inconfondibile. Si tratta dei “Tre pezzi in stile antico per orchestra d’archi” (1963) di Henryk Górecki e della “Sinfonietta n. 2” per orchestra d’archi e timpani che il compositore polacco Mieczyslaw Weinberg compose nel 1948.

Fondata 20 anni fa dal grande violinista lettone Gidon Kremer in occasione del suo cinquantesimo compleanno, la Kremerata Baltica è composta da musicisti ad arco provenienti da Lettonia, Lituania e Estonia. Di fatto la Kremerata è una sorta di proiezione dello spirito musicale del suo fondatore, con lo scopo di fare musica in maniera spontanea, aperta e autocritica. Non a caso i tratti distintivi dell’ensemble, che ha finora realizzato oltre mille concerti in 600 città e registrato due dozzine di album, sono proprio la gioia di suonare e l’esuberanza. Biglietti anche online sul sito www.tcvi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *