Ritratto di Martin Lutero, di Lucas Cranach (1529)
Ritratto di Martin Lutero, di Lucas Cranach (1529)

Vicenza, due giorni dedicati alla Riforma

Vicenza – “Cinque secoli esatti sono trascorsi dall’ottobre 1517, mese nel quale Martin Lutero rese pubbliche a Wittenberg, in Germania, le sue 95 tesi sul tema delle indulgenze. In quegli stessi anni, a Vicenza, germogliavano i semi del Rinascimento e cresceva una generazione di letterati, studiosi e scienziati che di lì a poco, nel 1555, avrebbero fondato l’Accademia Olimpica, sodalizio di uomini dotti, illuminato e innovativo per l’epoca. Forte di questa sua storia non comune, l’Accademia ha deciso di offrire, alle riflessioni in atto sulla Riforma protestante, un contributo altrettanto speciale, quasi da testimone oculare di quegli eventi epocali”.

Sono le parole con cui la prestigiosa istituzione culturale vicentina presenta il convegno di studi dal titolo “La Riforma protestante a Vicenza e nel Dominio Veneto”, due giorni di approfondimento  nel pomeriggio di lunedì 23 ottobre, a Palazzo Chiericati, a partire dalle 16, e nell’intera giornata di martedì 24, nell’Odeo del Teatro Olimpico, dalle 9.30 e dalle 15. Vi parteciperanno con studiosi provenienti dall’Italia e dall’estero e non mancherà una sessione divulgativa pensata per insegnanti e studenti. L’appuntamento è promosso con il patrocinio della Regione Veneto e con la collaborazione della Fondazione Banca Popolare di Marostica Volksbank, che lunedì 16 ottobre ha ospitato un incontro introduttivo al convegno vicentino.

Per quanto riguarda la prima giornata, si inizierà con una lettura di Massimo Firpo, docente dell’Università di Torino e membro dell’Accademia dei Lincei. Un introduzione del presidente dell’Accademia Olimpica, Gaetano Thiene, darà quindi il via alla prima sessione di contributi, moderati dal presidente della Classe di lettere e arti, Emilio Franzina. Silvia Ferretto, dell’Università di Padova, analizzerà la presenza, in quegli anni, di studenti tedeschi nell’ateneo patavino, tra Umanesimo medico e Riforma. Il rapporto tra architettura, religiosità e committenza nell’Italia del Cinquecento sarà invece approfondita da Francesca Mattei, della Hümboldt-Universität di Berlino, mentre Andrea Savio, dell’Università di Verona, permetterà di conoscere il profilo di alcuni nobili vicentini dissidenti, al centro di una ricerca attualmente in corso.

La seconda giornata Le relazioni esistenti fra l’intolleranza religiosa e l’economia dell’epoca saranno il filo conduttore degli interventi della seconda giornata, quella di martedì, la cui prima parte si svilupperà al mattino, con inizio alle 9.30, con il coordinamento di Giovanni Luigi Fontana, presidente della Classe di diritto, economia e amministrazione dell’Accademia Olimpica. Di libero commercio, “base potentissima dell’heresia”, si occuperà Germano Maifreda, dell’Università di Milano, mentre Edoardo Demo, dell’Università di Verona, analizzerà la situazione vissuta dagli “infetti” italiani nelle dinamiche del commercio internazionale post-Riforma, con particolare attenzione al caso dei nobili e dei mercanti vicentini.

Un allungo oltre confine sarà poi affidato a Lucien Faggion, dell’Université d’Aix-Marseille, che ripercorrerà le vicende dei protestanti vicentini residenti nella Repubblica di Ginevra fra il 1550 e il 1620 circa.  A chiudere la mattinata, alle 11.45, sarà infine la sessione divulgativa per le scuole: un “racconto in pubblico” su “Uomini e donne della Riforma protestante nella Vicenza del Cinquecento”, introdotto dallo storico Franzina e condotto da Gaetano Thiene.

Nel pomeriggio, dalle 15, i lavori riprenderanno con il coordinamento del segretario dell’Accademia, Mariano Nardello. Stefania Malavasi, dell’Università di Padova, volgerà lo sguardo verso il Polesine, affrontando figure quali il “Cavaliere di Rovigo” e Lucrezia Gonzaga. Del caso della tomba di Lavinia Thiene nella cattedrale di Vicenza parlerà invece Fabrizio Biferali, dell’Università di Roma La Sapienza, mentre la tragedia “Libero arbitrio”, composta nel 1546 dal bassanese Francesco Negri, sarà analizzata da Vincenzo Vozza, dell’Università di Padova. La parola passerà quindi a Corrado Pin, della Deputazione di storia patria delle Venezie, invitato ad illustrare i riflessi della Riforma nella Venezia di Paolo Sarpi.

La lettura conclusiva del convegno sarà affidata ad Howard Burns, della Scuola normale superiore di Pisa. Il titolo del suo intervento sarà “La casa come tempio? Pensiero albertiano e idee religiose nell’architettura di Andrea Palladio”. Ingresso libero. Informazioni su www.accademiaolimpica.it.

2 Commenti

  1. Gentili Responsabili, sono stata impossibilitata a partecipare a questo importantissimo evento. Ne vorrei dare dettagliata notizia sulla Rivista poetico-letteraria ed etico-politica Pomezia Notizie a guida del prof. Domenico Defelice, che già ha dato ampio spazio su cruciali tematiche della Storia di Vicenza, in primis su Antonio Fogazzaro ma non solo. Per questo chiedo cortesemente tutto il materiale a vostra disposizione intorno alla figura di Lutero, allo scopo di potermi documentare in modo opportuno ed efficace. Vi ringrazio e vi saluto con tanta cordialità.
    Ilia Pedrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *