“Scambi sospetti” tra studenti. Al lavoro la polizia locale

Schio -Un servizio mirato alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti ha impegnato questa mattina dieci agenti dei Consorzi Alto Vicentino e Nordest Vicentino e il cane antidroga Rocky, un pastore tedesco. L’attività è stata programmata in seguito alle segnalazioni di scambi sospetti tra ragazzi, giunte al presidente del Consorzio di polizia locale Alto Vicentino, Albino Mosele.

E così, alle 7.50 di stamani, gli operatori hanno dato il via all’operazione, che si è concentrata nelle aree vicine agli istituti scolastici di via Tito Livio, a Schio. I controlli hanno dato i loro frutti: nel passaggio pedonale sterrato che collega via Tito Livio a via Luzio, infatti, sono stati trovati, nascosti in un cespuglio due grinder, dispositivi usati di solito per sminuzzare la marijuana.

Un altro grinder è stato trovato sulla sponda del fossato vicino: con tutta probabilità di proprietà di uno studente che, alla vista degli agenti, ha pensato di disfarsene. I controlli si sono poi spostati nel parco pubblico di via Botta, dove uno studente, scorto il cane Rocky, ha consegnato spontaneamente agli agenti un grinder ed un contenitore per pastiglie vuoto, ma con evidenti tracce di marijuana. Gli agenti si sono poi concentrati sul parco della Valletta, sulle zone Castello ed ex lavatoi pubblici di via Manin, sulla stazione dei treni e degli autobus, con esito negativo.

“Se nelle altre mattinate venivano sempre segnalati ritardi all’ingresso alle lezioni – ha precisato la polizia locale -, oggi tutti gli studenti sono entrati in orario. Viste le numerose richieste pervenute, i controlli verranno sicuramente ripetuti nel corso dell’anno scolastico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *