Breaking News
Il torrente Poscola, a Trissino
Il torrente Poscola, a Trissino

Pfas, non solo limiti ma anche un nuovo sviluppo

Venezia – “Ben vengano i nuovi parametri dell’Efsa con limiti più restrittivi sui Pfas e da applicare su tutti i campi, per questo la richiesta del parlamentare europeo Damiano Zoffoli è necessaria. Comunque, ciò che al Veneto serve urgentemente è un impegno forte della politica, diverso da quello messo finora, affinché siano corretti gli errori del passato”. Ad affermarlo è la consigliera regionale della Lista Amp Cristina Guarda, intervenuta oggi alla conferenza stampa dell’europarlamentare Zoffoli sul tema Pfas.

“Nella zona rossa siamo di fronte a un vero e proprio disastro ambientale e il modello di sviluppo veneto è responsabile tanto quanto una politica miope che ha permesso di martoriare il territorio, senza pensare al conto che sarebbe stato presentato alle generazioni future in termini di salute. È stata una scelta delittuosa permettere alle aziende chimico-industriali di insediarsi nelle zone di ricarica della falda. Limiti di Pfas più bassi sono auspicabili, quanto insufficienti se non si agisce anche su questo campo”.

“Per quanto riguarda la Miteni nello specifico – insiste la consigliera regionale, che è di Lonigo – non basta la sostituzione dei Pfas a catena lunga con quelli a catena corta, perché questi sono difficilmente filtrabili e quindi dannosi per l’ambiente e la salute nella stessa misura. Serve un drastico cambio di rotta: l’azienda aveva parlato di riconversione industriale già un anno fa, ma di questo piano non abbiamo più saputo niente”.

“L’alternativa – conclude Guarda – è quella della delocalizzazione in zone meno problematiche, considerato che i Pfas non sono la sola sostanza chimica emergente prodotta da Miteni. E ciò deve diventare una regola generale per tutte quelle imprese che producono sostanze chimiche pericolose per l’ambiente: la Regione individui le aree da tutelare, faccia una seria programmazione, in modo da evitare che possano ripetersi disastri del genere, a discapito delle future generazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *