Lovato Gas, il ministro Poletti incontra i lavoratori

Vicenza – “Quando gliel’ho chiesto, ha subito accettato di incontrare i lavoratori della Lovato Gas, dimostrando grande interessate per la situazione che ha promesso di approfondire una volta tornato a Roma”. Questo il commento del sindaco di Vicenza Achille Variati all’incontro da lui promosso, anche su mandato del consiglio comunale, tra il ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti e una delegazione di lavoratori della Lovato Gas.

Il ministro Poletti ha incontrato i lavoratori prima di prendere posto all’assemblea Anci in Fiera a Vicenza, ascoltandoli con attenzione. La delegazione dei lavoratori, che da tempo stanno occupando l’impianto di Vicenza senza interrompere la produzione per contrastare il rischio di trasferimento dell’attività, ha consegnato al ministro una lettera che riassume la pesante situazione. Oltre al sindaco Achille Variati, hanno preso parte all’incontro il prefetto Umberto Guidato e il consigliere comunale Tommaso Ruggeri.

La delegazione dei lavoratori Lovato Gas era invece composta dalle due Rsu, Simona Parisi e Giuseppina Lunghi,, dal segretario generale della Cgil di Vicenza Giampaolo Zanni e dal segretario della Fiom Morgan Prebianca. Zanni illustrato ha illustrato al ministro la situazione nell’azienda e sottolineando “la sofferenza delle lavoratrici e dei lavoratori ed anche la preoccupazione di tutto il territorio”, ha chiesto il suo intervento per impedire la delocalizzazione degli impianti e la conseguente perdita di posti di lavoro.

Il segretario della Fiom ha poi spiegato lo stato della trattativa con l’azienda, che ha aperto la procedura di mobilità per quasi tutti i dipendenti e ha sottolineato “come sia inaccettabile che si chiuda un’azienda sana e produttiva per ragioni di carattere finanziario del gruppo”. Nella lettera consegnata a Poletti gli si chiede, a nome di tutti i 110 dipendenti, che “incontri la proprietà e il management dell’azienda per per fare in modo che ci si ripensi e si faccia vivere un’azienda che da 60 anni produce e garantisce occupazione e reddito”.

“Il ministro – assicura la Cgil – ha preso nota e si è impegnato ad approfondire il caso e a sentire i rappresentanti della proprietà e a dare al sindacato un riscontro appena possibile. Il presidio e la lotta dei lavoratori della Lovato Gas continueranno fino a quando non arriveranno notizie positive riguardo al futuro dell’azienda vicentina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *