Il presidente della Repubblica durante la sua breve visita a Vicenza nel giugno del 2015
Il presidente della Repubblica durante la sua breve visita a Vicenza nel giugno del 2015

L’Anci a Vicenza, con Mattarella e Gentiloni

Vicenza – Vicenza sotto i riflettori nazionali per tre giorni, a partire da domani, mercoledì 11 ottobre. La nostra città ospita infatti la trentaquattresima assemblea dell’Anci, l’associazione dei comuni italiani, nei locali della Fiera. Di altissimo profilo gli ospiti che interverranno alla kermesse, a cominciare dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dal premier Paolo Gentiloni. Ma ci saranno anche otto ministri e cinque sottosegretari. Insomma il potere politico porterà il suo saluto a Vicenza ed all’assemblea, che quest’anno per altro rompe un po’ la consuetidine dato che si tiene in una città di medie dimensioni e non in una realtà metropolitana come più spesso avviene

Questo appuntamento nazionale dell’Anci inoltre sembra confermare, anche nei numeri, il successo delle scorse edizioni di Bari e Torino. Saranno infatti presenti circa 1.200 amministratori, oltre settemila operatori del settore, 126 giornalisti accreditati e 106 relatori. La tre giorni, presentata oggi a Palazzo Trissino e intitolata “#cittàpuntozero. Immagina il domani, governa l’oggi”, ospiterà, parallelamente ai lavori istituzionali, anche altre iniziative, come AnciExpo, un incontro di grandi nomi del mondo dell’imprenditoria con oltre 150 stand in una superficie espositiva di circa diecimila metri quadrati, con 15 sale per ospitare oltre 60 convegni.

La cerimonia di apertura è prevista per mercoledì, alle 16. Si inizierà con la relazione del presidente dell’Anci, il sindaco di Bari Antonio Decaro, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Durante i tre giorni, ai lavori dell’assemblea plenaria parteciperanno, oltre ai sindaci e ad illustri nomi dell’imprenditoria, il premier Paolo Gentiloni ed i ministri Gianluca Galletti (Ambiente), Graziano Delrio (Infrastrutture e Trasporti), Maurizio Martina (Politiche agricole), Giuliano Poletti (Lavoro); Claudio De Vincenti (Coesione territoriale), Anna Finocchiaro (Rapporti con il Parlamento), Andrea Orlando (Giustizia) e Marco Minniti (Interno).

Le sessioni di confronto tra sindaci, amministratori, parti sociali, mondo politico e imprenditoriale ruoteranno intorno a tre concetti chiave: la natura, l’economia, le persone. E’ da questi temi che si sviluppano, infatti, le maggiori sfide a cui gli enti locali sono chiamati a dare risposta, e rispetto alle quali sindaci e amministratori hanno già intrapreso un percorso di soluzioni efficaci e condivisione di buone pratiche.

“Siamo orgogliosi – ha detto alla presentazione di questa mattina il sindaco di Vicenza, Achille Variati, – di ospitare questo appuntamento fondamentale nell’agenda politica nazionale. Vicenza per tre giorni sarà il centro della riflessione politica. Ci si confronterà su problemi vecchi e nuovi con cui i sindaci sono chiamati a misurarsi quotidianamente. Diamo quindi il benvenuto ai sindaci d’Italia, al presidente della Repubblica e ai membri del governo, con l’auspicio che da questa assemblea possano nascere idee e proposte in grado di far crescere la qualità della vita per le comunità che siamo stati chiamati ad amministrare”.

“I sindaci – ha aggiunto Variati – rappresentano i Comuni, ovvero le comunità locali che esistevano ben prima dello Stato, e oggi costituiscono il collante del paese. In questa assemblea tratteremo temi forti tra i quali l’accoglienza dei richiedenti asilo, la sicurezza nelle città, l’ambiente, le periferie, ed anche l’autonomia. Ma per chi verrà ad ascoltarci sarà difficile distinguere i diversi colori politici che ci contraddistinguono, perché i sindaci sanno parlare in nome e per conto dei propri cittadini. Quanto alla nostra città, si è preparata per tempo ad accogliere questo evento. Sono certo che i nostri ospiti avranno modo di apprezzarne le bellezze, a partire dalla Basilica palladiana che visiteranno mercoledì sera, diventando ambasciatori di Vicenza una volta rientrati nelle loro realtà ”.

A presentare la tre giorni dell’Anci, questa mattina, a palazzo Trissino, c’erano con Variati anche Maria Rosa Pavanello, presidente di Anci Veneto, e Veronica Nicotra, segretario generale dell’Anci nazionale, che ha tracciato le direttrici principali dei lavori assembleari.  “Sviluppo sostenibile – ha detto -, benessere, qualità della vita, partecipazione, autonomia, coesione sociale, fare comunità per una democrazia rinnovata, viva e vitale. Parleremo di questo in questi giorni con lo sguardo rivolto ad un presente che oggi deve immaginare e costruire il domani”.

“L’assemblea dell’Anci – ha sottolineato invece la presidente di Anci Veneto – è un appuntamento molto importante, nel quale verranno analizzati temi nevralgici e prioritari per il governo dei territori. La scelta del Veneto come sede ospitante è un segnale di attenzione verso una regione che, da sempre, è un modello per la buona amministrazione nei Comuni. Una grande opportunità e, per questo mi auguro che la presenza sia massiccia nella certezza che saranno giornate di lavoro proficue ed interessanti”. Il programma dettagliato dell’assemblea è consultabile su questo sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *